•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: sabato, 12 ottobre, 2013

articolo scritto da:

Renzi boccia l’indulto, Zanonato critica il sindaco di Firenze “Fa propaganda”

“Se voi siete qui non è per candidare me, ma perché accettate l’idea che si sia perso tempo, ma non accettate l’idea che ci si porti via della speranza. Vogliamo che il Pd provi a cambiare verso per restituire alla politica un po’ di speranza. Non siamo qui perché è un “male necessario”, o per dire “proviamo anche questa”, manco fossi il Mago Otelma. Non si sale sui carri, come dicono molti, ma i carri si spingono”. Matteo Renzi comincia da Bari la sua campagna di conquista della segreteria del Pd. E lo fa mettendo in chiaro subito due cose. Primo: il Pd deve cambiare, ha perso troppo tempo e soprattutto troppe elezioni. Secondo: nessuna paura di chi sale sul carro del vincitore (Renzi ndr) perché il carro spinge e travolgerà tutti. E’ un fiume in piena il sindaco di Firenze. Alla platea enuncia il suo programma. Sì al bicameralismo, sì ad una riforma della Costituzione (“abbiamo sbagliato a fare il titolo V”) e della riforma elettorale (“senza ammucchiate”).

renzi bari congresso pd

Sul tema dell’economia Renzi è altrettanto deciso. No a paletti, come quello del 3% imposto dall’Europa. “Il paletto del 3% è di vent’anni fa, è diventato un parametro di serietà (non si può continuare a spendere quello che non abbiamo), ma è superabile”. Boccia in pieno l’amnistia e l’indulto avanzata da Napolitano e fatta propria dai partiti. “Affrontare oggi così il tema di amnistia e indulto è un clamoroso autogol. E’ bellissimo vedere un carcerato che lavora, quando chi lavora lì con loro viene assunto. Ma mi domando come facciamo a spiegare ai ragazzi delle scuole che la legalità è un valore se ogni sei anni buttiamo fuori le persone dal carcere perché sono piene”. Renzi sprona poi il suo partito a “recuperare il gusto della sfida”. “Come facciamo – si chiede Renzi – a uscire da questa crisi profonda, dal fatto che siamo il terzo partito tra i disoccupati, partite iva, professionisti, mentre siamo i primi solo tra i pensionati e i dipendenti pubblici?”. Infine conclude con una citazione del teologo tedesco Bonhoeffer. ““Perduto  sarebbe il tempo in cui non avessimo vissuto da uomini e da donne. Tempo perduto è quello non riempito. Riempite il tempo non dicendo abbiamo già vinto – perché impedite di mettervi in gioco – ma riempitelo dando il nome dei nostri sogni all’Italia e il Pd cambierà verso a questo paese”.

Zanonato “Parole di Renzi su indulto? Propaganda” – Le parole di Renzi sull’indulto non sono piaciute però alla compagine governativa. Tra questi il più duro è stato il ministro dello Sviluppo economico Flavio Zanonato “Penso che Renzi ragioni così: Mi conviene o no essere per l’indulto, di fronte all’opinione pubblica? L’oggetto in sè non gliene frega niente, penso che ragioni solo sulla pura convenienza propagandistica. Più o meno come Grillo. Si chiede ‘mi conviene o no, prendo più o meno voti’, fa il bilancio: ‘ne perdo il 10 ne prendo il 15, 5 in più sono contro”. Subito è arriva la risposta piccata del sindaco di Firenze: “Il ministro dello Sviluppo si deve preoccupare di come far sì che le aziende non chiudono, di aiutare gli artigiani e non di stare a lamentarsi dalla mattina alla sera di cosa dice il sindaco di Firenze”.
(Per leggere la diretta cliccate su “2”)

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Partiti politici italiani

partiti politici italiani: l'archivio - statuti, programmi, bilanci

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

articolo scritto da:

Lascia un commento