•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 25 ottobre, 2013

articolo scritto da:

Quirinale: “Nessun gioco fatto sulla legge elettorale”

Impeachment, Macaluso e Lupi a difesa di Napolitano contro i 5 stelle

Nuovo intervento del Quirinale per spiegare la nuova tornata di colloqui sulla legge elettorale che oggi ha coinvolto due gruppi delle minoranze parlamentari: in particolare, oggi Giorgio Napolitano ha ricevuto Loredana De Petris per Sel e Giorgia Meloni in rappresentanza di Fratelli d’Italia.

“Gli incontri, svoltisi in un clima di assoluta serenità e concretezza – si legge nella nota – hanno consentito al Capo dello Stato di acquisire ulteriori elementi sulle prospettive di modifica in Parlamento della legge elettorale vigente. I colloqui di ieri con i rappresentanti dei gruppi di maggioranza – ai quali era stata data la precedenza per il ruolo che hanno nella discussione in corso nella I Commissione del Senato, avendo essi designato i due relatori sulla materia – avevano il medesimo carattere puramente informativo e ricognitivo”.

giorgio napolitano anci firenze incontro renzi

Sembra che il Quirinale tenga particolarmente ad allontanare i sospetti di aver voluto concordare il contenuto della riforma elettorale tra le sole forze che attualmente governano: “Nessun ‘giuoco’ era ‘ormai stato fatto’, come da qualche parte si è affermato senza alcun fondamento; né tantomeno si era avallata alcuna ‘prevaricazione della maggioranza sulle minoranze’. L’auspicio del presidente Napolitano è che in materia di modifiche o innovazioni del sistema elettorale, si persegua in Parlamento la più larga condivisione”.

Si tratterebbe insomma della conseguenza di quanto detto a Firenze all’assemblea Anci, sul timore che si sovrapponessero l’azione del Parlamento e della Consulta. “Il Presidente della Repubblica ha ritenuto e ritiene suo dovere adoperarsi per evitare che ciò avvenga, sollecitando in primo luogo le forze di maggioranza per la loro prevalente responsabilità, ma egualmente le minoranze, e dunque tutte le forze politiche”: lo scopo sarebbe intervenire prima che la Corte costituzionale a sua volta possa agire sul Porcellum.

lombardi capogruppo m5s

Nei prossimi giorni al Quirinale andranno i rappresentanti della Lega, mentre il M5S ha rifiutato l’invito. Nel comunicato si ricorda che il Colle “ha sempre, e anche di recente, accolto richieste di incontro da parte del Movimento 5 Stelle, benché spesso accompagnate da attacchi scorretti e perfino ingiuriosi al Capo dello Stato”. Per il M5S risponde su Fb, Roberta Lombardi: “Visto che oramai il caro presidente si è definitavamente rivelato il capo politico delle larghe intese, come forza politica dovrà venire in Parlamento a cercarci, che è il posto dove noi vogliamo confrontarci pubblicamente. La aspettiamo, caro presidente. Ci vediamo in Parlamento, ma forse per lei non sarà un piacere”.

Gabriele Maestri

Sondaggio Index: la scissione farebbe crollare il Pd CLICCA IL VIDEO

Sondaggio Index: la scissione farebbe crollare il Pd CLICCA IL VIDEO

Sondaggio Post Verità

Sondaggio Post Verità

La domanda del giorno

Come si chiamerà il gruppo degli scissionisti Pd?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle Voluttà

#efamolostoflavio

#efamolostoflavio

articolo scritto da: