•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: domenica, 8 dicembre, 2013

articolo scritto da:

Sergio Lari, procuratore di Caltanissetta: “Il centrodestra non ha mai appoggiato i pm antimafia”

Sergio Lari, procuratore di Caltanissetta: “Il centrodestra non ha mai appoggiato i pm antimafia”

Durissimo attacco del procuratore antimafia Sergio Lari al centrodestra italiano. Il magistrato, ospite al programma “In mezz’ora” di Lucia Annunziata, sottolinea come il ritorno di Cosa Nostra alla stagione della violenza potrebbe essere favorito “da una situazione politica molto caotica” e dal fatto che oggi c’è “un ministro degli Interni che è anche leader di un partito nuovo che ha spezzato l’asse del centrodestra”.

Alla richiesta dell’Annunziata di spiegare questo passaggio, ecco la bordata di Lari che ha come principale destinatario Silvio Berlusconi: “La linea del centrodestra non è mai stata vicina ai giudici antimafia come ha invece fatto Alfano in questi giorni. Loro non sono mai stati sensibili all’antimafia”.

Lari dimostra apprezzamento per il lavoro del ministro degli Interni e ritiene “serio” l’allarme da lui lanciato su un eventuale “colpo di coda” di Cosa  Nostra. “Alfano parla dopo aver ascoltato i magistrati a Palermo. Non va sottovalutato. La situazione è seria ma non è assimilabile al ’92-’93 se non perché il protagonista è lo stesso, Totò Riina, che non vede di buon occhio il processo sulla trattativa Stato-Mafia”.

Berlusconi e Dell'Utri

Secondo Lari, è proprio questo il processo che inquieta maggiormente il boss mafioso, probabilmente perché “teme che vengano a galla verità inconfessabili che gli possano far perdere la faccia davanti a Cosa Nostra o perché lo ritiene un insulto all’organizzazione per patti che alla fine si sono rivelati un nulla di fatto e un fallimento totale per la mafia”.

Tuttavia, sottolinea il magistrato siciliano, “l’organizzazione mafiosa è oggi profondamente indebolita, non è più quella del 92-93, abbiamo un capo dei capi (Riina, ndr) che mantiene il suo ruolo, il suo carisma nell’organizzazione ma che di fronte alla sconfitta ha all’esterno punti di riferimento e potrebbe decidere di vendicarsi, di dare una risposta violenta allo Stato”. Cosa Nostra, dunque, ha “ha ancora voglia di violenza, voglia di disfatta”, anche se è molto più debole di un tempo.

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Termometro delle Voluttà

Donnie Trumpo

Donnie Trumpo

articolo scritto da:

15 Commenti

  1. Lucio Bufo ha scritto:

    finalmente qualcuno, serio e onesto, che dice la sacrosanta verità … Bravissimo!

  2. Beppe Roca ha scritto:

    Eccert…

  3. Mark Deda ha scritto:

    Ha appoggiato la mafia!! Purtropo.

  4. Campolmi Alessandro ha scritto:

    e se loro stessi fossero……mafiosi?

  5. Maria Damaso ha scritto:

    l’ abbiamo sempre sapuito

  6. Iglis Lako ha scritto:

    Nuovi ingroia crescono?

  7. Antonio Iamello ha scritto:

    Come sarebbe a dire…..le leggi più dure e severe contro la mafia portano il timbro del centrodestra.

  8. Dario Balducci ha scritto:

    Anche i nuovi eroi come Mangano (stalliere di Berlusconi) crescono?

  9. Giulio Giliberti ha scritto:

    I magistrati sono in prima fila e i politici chiacchierfano….

  10. Gianni Gavin ha scritto:

    E’ la verità

  11. Franco Baldussi ha scritto:

    ahahahaha!!!!

  12. Amalia Fasolo ha scritto:

    per forza sono mafiosi loro cosa aspettarsi??

  13. Iglis Lako ha scritto:

    Personaggi come di pietro, ingroia e spero questo signore non si mette in lista, sono quelli che hanno prolungato la vita politica di berlusconi

  14. Bassmaji Jean ha scritto:

    Proprio in Italia si pyo trovare qualcuno che si auto denuncia?

  15. Marianna Franchi ha scritto:

    Bravo dottor Lari, continui col suo lavoro. Grazie

Lascia un commento