•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 21 gennaio, 2014

articolo scritto da:

Cuperlo pensa alle dimissioni dopo lo scontro con Renzi

cuperlo pensa alle dimissioni dopo lo scontro con renzi su legge elettorale

Cuperlo pensa alle dimissioni dopo lo scontro con Renzi

Ieri primo scontro tra il segretario del Pd Renzi ed il presidente dell’assemblea Cuperlo, dopo le primarie dello scorso dicembre. Lo scontro è avvenuto in direzione. Direzione nella quale il Partito Democratico ha approvato la bozza di riforma elettorale proposta dal segretario e concordata con il leader di Forza Italia Silvio Berlusconi. Le principali critiche di Cuperlo hanno riguardato l’assenza delle preferenze nella bozza di legge elettorale proposta da Renzi.

Cuperlo nel suo intervento in direzione: “Sul piano del metodo dobbiamo sapere che queste diverse riforme dovranno avere un iter parlamentare concatenato. Legge elettorale, Senato, Titolo V: sono tre pezzi che camminano assieme e configurano un nuovo possibile assetto dello Stato e una qualità diversa della nostra democrazia Sul Senato e sul Titolo V discuteremo, approfondiremo ma la via tracciata credo vada nella direzione giusta. Mentre io ritengo che la proposta di nuova legge elettorale avanzata oggi, per una serie di ragioni, non risulti ancora convincente. La considero una soluzione non convincente perché non garantisce né una rappresentanza adeguata né il diritto dei cittadini a scegliere il proprio rappresentante né una ragionevole governabilità. Tutti aspetti per nulla secondari o marginali”.

cuperlo pensa alle dimissioni dopo lo scontro con renzi

Cuperlo ha inoltre stigmatizzato la scelta di Renzi di incontrare Berlusconi nella sede del Pd, facendosi portavoce di forti malumori nella base del partito.

Dall’intervento di Cuperlo in direzione: “una sola notazione più politica: non è mai stata in discussione la possibilità e la necessità di discutere di una riforma costituzionale e della legge elettorale con tutti, e dunque anche con Forza Italia e con il suo vertice. La questione non è di galateo politico o istituzionale e nemmeno del luogo più o meno simbolico dove gli incontri si svolgono. ‘E’ abbastanza evidente però che una cosa è discutere e confrontarsi anche con il leader di una forza politica che raccoglie milioni di voti nelle urne, altra è stringere un patto politico su questioni di rilevanza costituzionale con un esponente interdetto, espulso dal Parlamento, ma soprattutto e per la prima volta dopo 20 anni non più egemone come prima nel suo campo. Lo dico perché poi in politica i sentimenti, gli stati d’animo contano, e noi dobbiamo comprendere lo smarrimento di una parte dei nostri elettori ed iscritti di fronte al rischio di una piena rilegittimazione del Capo della destra”.

Renzi, dopo il dibattito, ha replicato alle critiche di Cuperlo per ricordare al presidente del Pd che proprio la sua elezione è avvenuta senza le preferenze reclamate nella nuova legge elettorale. A quel punto Cuperlo ha abbandonato la riunione evidentemente infastidito dalle parole del segretario.

Secondo indiscrezioni Cuperlo starebbe meditando le dimissioni, come segno di protesta verso l’atteggiamento di Renzi e c’è chi insiste, nell’area politica che ha sostenuto la mozione di Cuperlo al Congresso, sulla necessità politica di fuoriuscire dal Pd guidato da Renzi per dar vita ad un soggetto politico ‘più di sinistra’.

 

Sondaggio Index: la scissione farebbe crollare il Pd CLICCA IL VIDEO

Sondaggio Index: la scissione farebbe crollare il Pd CLICCA IL VIDEO

Sondaggio Post Verità

Sondaggio Post Verità

La domanda del giorno

Come si chiamerà il gruppo degli scissionisti Pd?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle Voluttà

#efamolostoflavio

#efamolostoflavio

articolo scritto da: