•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 3 febbraio, 2012

articolo scritto da:

#OccupyScampia

#occupyscampia

“Tenere alta la saracinesca della dignità contro la camorra”: le parole di Giulio Cavalli, consigliere regionale, oltre che attore e regista impegnato nella realizzazione di spettacoli sui clan infiltrati nel nord Italia, sembrano riassumere in un motto le ragioni del movimento Occupyscampia, che, soltanto per la denominazione e il battesimo nel web, emula la protesta contro disoccupazione e disuguaglianza economica Occupywallstreet. La sommossa pacifica è in azione alle 17 di oggi, venerdì 3 febbraio, per accendere i riflettori sul coprifuoco che la camorra avrebbe tacitamente imposto ai cittadini di Scampia. A guidare l’iniziativa, la deputata del PD Pina Picierno, che ha dato vita a tutto con un tweet. “Facciamogli capire che Scampia non è cosa loro”, tuonava la giovane deputata sul social network, e oggi, in piazza Giovanni Paolo II, a fianco degli onesti cittadini e delle associazioni locali, si alleano Libera e Roberto Saviano. “I clan danno l’ordine: entro le sette, sette e mezza di sera bisogna chiudere i negozi. Entro le otto tornare a casa. I bar al massimo entro le 22 devono avere le saracinesche chiuse”, ha spiegato lo scrittore, confermando gli allarmismi de Il Mattino, il primo a denunciare il coprifuoco, da molti smentito.

[ad]Tra i negazionisti, il procuratore della Repubblica di Napoli, che, con pessimismo arrendevole, afferma: “Non c’è niente di nuovo da scardinare, almeno non più di ieri, quando nessuno occupava Scampia, e non meno di domani, quando tutti se ne torneranno a casa. E nello schieramento degli scettici, impegnati a smentire gli intoccabili della lotta alle mafie, ci sono cittadini comuni e primi cittadini; a Luigi De Magistris il coprifuoco “non risulta”, mentre Ciro Corona, presidente dell’associazione (R)esistenza di Napoli, in lotta contro l’illegalità e la cultura camorristica, dichiara e ribadisce ai microfoni di RadioTre di non aver riscontrato un simile fenomeno. Ciro, che oltre al suo lavoro allo sportello anticamorra fa l’animatore tra i ragazzi di Scampia, asserisce che nessuno ha impedito loro di svolgere le prove del nuovo spettacolo, anche fino a tardi.

#occupyscampia

Da una parte, i suoi racconti di chiacchiericci serali fuori dalla sala prove, dall’altra i moniti de Il Mattino, che vedono le donne del quartiere napoletano tornare a casa dal supermercato in fretta e furia. Qualunque sia il reale clima che si respira a Scampia, quotidiana tensione scandita da saltuarie sparatorie o terrore permanente, rinnovato da ulteriori regole a cui sottostare nella subdola occupazione mafiosa, la contro-occupazione guidata dalla Picierno trova ragione di esistere.

Anche se fosse una manifestazione fine a sé stessa, Occupyscampia accende i riflettori sui problemi cittadini, che certo non si fermano a un presunto coprifuoco. E, nel dimostrare che la politica non sempre è distante dalla comunità, la deputata viene accusata di voler cavalcare l’indignazione popolare sbandierando i colori del Partito Democratico, che non aspettavano altro che essere sfoggiati, in attesa dell’ennesima tirata mediatica. A tali critiche, sorte su Facebook, coerentemente con le origini del movimento, la Picierno risponde, ermetica: “Non so se la notizia de Il Mattino fosse forzata, mi fido di voi. Ma è vero o no che la camorra esiste? E’ vero o no, che condiziona la vita, a Scampia come a Casale o San Cipriano? Occupyscampia è un movimento spontaneo, nato dal basso, di persone che vogliono dire no a ‘ste bestie che hanno avvelenato le nostre terre. Tutto qua”. Senza troppe pretese.

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Giuramento della Palla avvelenata

Giuramento della Palla avvelenata

articolo scritto da: