•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: sabato, 6 settembre, 2014

articolo scritto da:

Pier Luigi Bersani ancora all’attacco: “Il giaguaro l’ho smacchiato io”

pier luigi bersani pd

“Il giaguaro l’ho smacchiato io”. Secca la risposta dell’ex segretario del PD Pier Luigi Bersani – intervenuto alla festa dell’Unità a Sesto San Giovanni – a chi gli chiede se alla fine non sia stato l’attuale premier Matteo Renzi a “far fuori” definitivamente la figura ingombrante di Silvio Berlusconi.

ELEZIONI 2013 COME SPARTIACQUE – Bersani rincara la dose: «Dal giorno delle elezioni del 2013, sicuramente controverse e non soddisfacenti, ho avuto il privilegio di accompagnare il partito al governo”. Perciò, secondo l’ex segretario democratico, non è importante chi sia ora al timone del partito, perché il punto è un altro: “Da quel giorno non c’è più stata la maggioranza in Parlamento per fare le leggi ad personam. Lì è andato in crisi Berlusconi, lì si è spaccata la destra”.

pier luigi bersani

BERLUSCONI E MONTI – Pier Luigi Bersani rassicura di non aver avuto alcun sentore di un golpe internazionale per far cadere Berlusconi, come sostenuto a più riprese dall’ex premier: “mai saputo di complotti contro Berlusconi, ma mi avevano detto che eravamo a due passi dalla Grecia”. Riguardo all’esperienza dell’esecutivo Monti, Bersani ammette il contraccolpo negativo per il suo partito: “come Pd abbiamo pagato un prezzo eccessivo. Ma a mia discolpa posso dire che metà partito mi rimproverava di essere poco montiano”.

DOPPI INCARICHI – Bersani torna sulla polemica riguardante il doppio incarico di Matteo Renzi, che è contemporaneamente premier e segretario del PD. “Di me si dice che sono contro il doppio incarico. Assolutamente no, non ho mai detto una cosa del genere. A me va bene anche il triplo incarico”. Il punto, per Bersani, è un altro: “Sto solo dicendo che nella nuova situazione, dove il Pd è al governo per la prima volta, il suo segretario è presidente del Consiglio, non c’è più il finanziamento pubblico ai partiti. Chiedo che ci sia una riflessione attenta, un appuntamento di partito, senza correnti, per parlare del partito”. E aggiunge: “Una persona sola non può risolvere i problemi di questo Paese. C’è bisogno di un collettivo”.

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Giuramento della Palla avvelenata

Giuramento della Palla avvelenata

articolo scritto da: