•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 16 ottobre, 2014

articolo scritto da:

Sismi: “Nel ’93 mafia voleva uccidere Napolitano”

deposizione napolitano

Clamorose rivelazione arrivano dal Sismi sul biennio delle stragi mafiose ’92-’93. Nell’agosto del 1993 i servizi segreti militari inviarono una nota riservata al ministero dell’Interno dell’epoca, al ministero della Difesa, al Sisde e ai vertici di carabinieri e finanza in cui parlavano di “alto rischio di attentati” nei confronti dell’allora presidente della Camera, Giorgio Napolitano, e dell’allora presidente del Senato Giovanni Spadolini.

La prima nota del servizio militare risale a luglio del 1993 allude al “rischio concreto di un attentato nel periodo che va dal 15 al 20 agosto del 1993” e che avrebbe riguardato una personalità politica “di rilievo” facendo i nomi di Spadolini e di Napolitano, che all’epoca erano rispettivamente Presidente del Senato e della Camera. La nota degli 007 venne poi trasmessa ai presidenti delle camere Napolitano e Spadolini.

nassiriya militari stragi polemiche corda m5s

Le note del Servizio, depositate al processo, seguono le bombe di Firenze, Milano e Roma. Nella Capitale la mafia, il 28 luglio 1993, fa attentati nelle chiese di San Giorgio al Velabro e San Giovanni in Laterano. 

 

 

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Giuramento della Palla avvelenata

Giuramento della Palla avvelenata

articolo scritto da: