•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 16 ottobre, 2014

articolo scritto da:

Sismi: “Nel ’93 mafia voleva uccidere Napolitano”

deposizione napolitano

Clamorose rivelazione arrivano dal Sismi sul biennio delle stragi mafiose ’92-’93. Nell’agosto del 1993 i servizi segreti militari inviarono una nota riservata al ministero dell’Interno dell’epoca, al ministero della Difesa, al Sisde e ai vertici di carabinieri e finanza in cui parlavano di “alto rischio di attentati” nei confronti dell’allora presidente della Camera, Giorgio Napolitano, e dell’allora presidente del Senato Giovanni Spadolini.

La prima nota del servizio militare risale a luglio del 1993 allude al “rischio concreto di un attentato nel periodo che va dal 15 al 20 agosto del 1993” e che avrebbe riguardato una personalità politica “di rilievo” facendo i nomi di Spadolini e di Napolitano, che all’epoca erano rispettivamente Presidente del Senato e della Camera. La nota degli 007 venne poi trasmessa ai presidenti delle camere Napolitano e Spadolini.

nassiriya militari stragi polemiche corda m5s

Le note del Servizio, depositate al processo, seguono le bombe di Firenze, Milano e Roma. Nella Capitale la mafia, il 28 luglio 1993, fa attentati nelle chiese di San Giorgio al Velabro e San Giovanni in Laterano. 

 

 

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

Bitcoin

Bitcoin

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Termometro delle Voluttà

Conte o non Conte

articolo scritto da: