Pubblicato il 25/10/2014

Ebola: un caso di razzismo

autore: Raffaele Masto

La notizia è tremenda. Un nigeriano è morto all’aeroporto di Barajas, a Madrid, dopo essere rimasto privo di sensi al suolo per 50 minuti, senza che nessuno si avvicinasse, nemmeno medici e personale sanitario, perché temevano potesse trattarsi di un sospetto caso di ebola.

L’uomo non proveniva nemmeno dall’Africa, ma dalla Turchia. Eppure il servizio medico dell’aeroporto si è rifiutato di avvicinarlo in attesa che arrivasse una squadra specializzata in malattie infettive. L’uomo è andato in coma, è stato colpito da convulsioni ed è morto davanti agli occhi di una folla di persone che si teneva a dovuta distanza.

La notizia è tremenda e poco importa che poi si è accertato che l’uomo è morto a causa della rottura di uno degli ovuli carichi di cocaina che aveva ingerito. Non lo sapeva nessuno, ma l’uomo era nero, dunque africano e di conseguenza poteva essere un untore portatore di ebola.

Ebola 2

Photo by NIAIDCC BY 2.0

Scusate, ma credo che questo sia un episodio di razzismo e di ignoranza. Razzismo perché se l’uomo era bianco sarebbe stato soccorso, anche se fosse stato, per esempio, il medico americano che ora è in isolamento perché risultato, lui si, affetto dal virus.

E di ignoranza perché la psicosi che si sta diffondendo non tiene conto dell’infinita possibilità statistica (visti i casi conclamati in Europa) di imbattersi in un caso di ebola. Statisticamente dovremmo temere di più il fatto che ci cada una tegola in testa.

Lasciare che questa psicosi si diffonda è irresponsabile. Lasciare che i media la alimentino è allo stesso modo irresponsabile. Le autorità sanitarie dovrebbero rassicurare e spiegare come stanno le cose.

E ci vorrebbe anche che il caso del nigeriano morto a Madrid venisse bollato per quello che è. Non è paura, è razzismo. O, se vogliamo attenuare un po’ i giudizi, è individualismo sfrenato, mancanza totale di senso civico.

Immagine in evidenza: photo by Army MedicineCC BY 2.0

Autore: Raffaele Masto

Giornalista di Radio Popolare-Popolare Network. E' stato inviato in Medio Oriente, in America Latina ma soprattutto in Africa dove ha seguito le crisi politiche e i conflitti degli ultimi 25 anni. Per Sperling e Kupfer ha scritto "In Africa", "L'Africa del Tesoro". Sempre per Sperling e Kupfer ha scritto "Io Safiya" la storia di una donna nigeriana condannata alla lapidazione per adulterio. Questo libro è stato tradotto in sedici paesi. L'ultimo suo libro è uscito per per Mondadori: "Buongiorno Africa" (2011). E' inoltre autore del blog Buongiornoafrica.it
    Tutti gli articoli di Raffaele Masto →