•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 11 marzo, 2015

articolo scritto da:

Jobs act, salario minimo anche per l’Italia

poletti jobs act

Dopo la Germania, con i decreti attuativi del Jobs Act il salario minimo sbarca in Italia. La soglia in questione oscilla tra i 7 e i 6 euro e mezzo l’ora. Da questo punto di vista il panorama del lavoro italiano si adegua al resto d’Europa.

Non è il reddito di cittadinanza

Bisogna ricordare che salario minimo non vuol dire reddito di cittadinanza: insomma non corrisponde alla proposta del MoVimento 5 Stelle, il pilastro del loro programma politico.

Il reddito minimo sostiene chi non ha un lavoro, il salario minimo riguarda chi il lavoro lo ha. È quella soglia di paga oraria che i datori devono rispettare. Il governo pensa di introdurla attraverso il decreto attuativo sulle politiche attive della riforma del lavoro, solamente per quei settori che non sono regolati dal contratto nazionale.

In Germania si aggira facilmente

La coalizione che guida la locomotiva europea, composta dalla Cdu di Angela Merkel, i socialdemocratici e la Csu, proprio il 1° Gennaio 2015 ha disposto l’introduzione del salario minimo ad una soglia di 8 euro e mezzo. Si è aggiunta agli altri 20 paesi dell’Unione che già disponevano di questo meccanismo – fra tutti la Francia che ha fissato il limiti a ben 9,35 euro. Ora ne mancano sei, tra cui appunto l’Italia.

Alcuni giornali tedeschi – per esempio la Zeit e la Welt – hanno denunciato la facilità con cui nel paese tedesco si possa aggirare il limite. Innanzitutto perché mancano dei controlli efficienti e poi con l’aggiunta di altre ore lavorative che non vengono segnalate. È purtroppo semplice chiedersi: succederà anche in Italia? In parte la risposta già si conosce, data l’enorme presenza del lavoro nero e dell’economia sommersa.

jobs act salario minimo

Scacco ai sindacati

Infine il provvedimento che prenderà il governo non sarà neanche apprezzato dai sindacati, in primis dalla Cgil, che vedrà diminuito il suo potere di contrattazione. Difatti ieri il segretario della Fiom Maurizio Landini ha riproposto una campagna per il referendum abrogativo su tutto l’impianto del Jobs act.

 

 

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Giuramento della Palla avvelenata

Giuramento della Palla avvelenata

articolo scritto da: