•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 21 aprile, 2015

articolo scritto da:

Strage migranti, la preghiera di Erri De Luca: “Mare nostro che non sei nei cieli”

erri de luca tav

Una strage che ha sconvolto tutti: lo scrittore Erri De Luca, ospite alla trasmissione Piazza Pulita, recita una poesia finale sul nostro mare, il Mediterraneo “seminato di annegati più di qualunque età delle tempeste”.

“All’alba sei colore del frumento, al tramonto dell’uva di vendemmia”

Il poeta e scrittore ha chiesto di riportare una preghiera laica in onore dei migranti caduti in mare, che raggiugono il tragico numero di 900 persone: “Mare nostro che non sei nei cieli / e abbracci i confini dell’isola e del mondo / sia benedetto il tuo sale e sia benedetto il tuo fondale”.

Erri De Luca Piazza Pulita

Viaggiatori senza scelta

Durante l’intero programma Erri De Luca si è dimostrato molto duro su “coloro che fanno il tifo per l’annegamento”, sostenendo che se anche “imponessero la pena di morte per viaggio non autorizzato, non otterrebbero niente, non scoraggerebbero nemmeno uno di questi nuovi viaggiatori” che “cercano scampo a tutti i costi”. Riporta la testimonianza di un migrante sopravvissuto: “Appena abbiamo visto il rottame su cui dovevamo salire, abbiamo capito che non avevamo scampo, non potevamo tornare indietro tantomeno restare”.

L’unica possibilità che auspica lo scrittore è che “si faccia accoglienza ai profughi non da noi”. Gli schiavi, rispetto a chi parte oggi, viaggiavano di lusso, perché erano “una merce che doveva essere consegnata”, pagata alla consegna. Al contrario, oggi i profughi pagano prima, ai trafficanti di uomini non importa se raggiungono la destinazione.

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Giuramento della Palla avvelenata

Giuramento della Palla avvelenata

articolo scritto da: