•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 6 maggio, 2014

articolo scritto da:

Il ritorno di Fellini, ‘8 e ½’ in una nuova versione restaurata

il genio di federico fellini e marcello mastroianni

Era il 1963 quando Federico Fellini, da poco reduce dallo strepitoso successo de La Dolce Vita, ideò e fece uscire un altro capolavoro del cinema italiano, che portò al regista il terzo premio Oscar come miglior film straniero. Si chiamava 8 e ½, ed era la storia di una crisi artistica.

Interpretato da uno splendido Marcello Mastroianni, il protagonista Guido Anselmi non è altro che la trasposizione sul set dello stesso Fellini. E un Fellini autentico, come era veramente in quel momento della sua carriera e della sua vita: in preda ad una crisi di produzione e ad una parallela – forse enfatizzata nel film – crisi esistenziale. La genesi del film fu infatti, per il regista, mai così densa di incertezze e di ripensamenti. Lui sapeva che la sua condanna era quella di dover lottare costantemente con i suoi stessi capolavori precedenti, che la sua vita era ormai la sala di un cinema, e non poteva deludere gli spettatori. E il fardello stava diventando troppo pesante, tanto che il consulto con l’amico e sceneggiatore Ennio Flaiano, lo convinse a lasciar perdere quella vaga e confusa idea che aveva per il suo prossimo film. Nemmeno il titolo era definito: 8 e ½ perché sarebbe stato il suo ottavo film e mezzo, contando quelli in cui aveva lavorato in collaborazione con altri registi. Ormai sul punto di comunicare la disfatta al produttore Angelo Rizzoli, ecco che il genio si accese di nuovo: il suo film avrebbe raccontato proprio la storia della crisi che stava vivendo come regista e come uomo, immerso in una accanita società moderna.

Otto_e_mezzo di federico fellini con marcello mastroianni

E infatti Angelo Luini è proprio un regista cinematografico di quarantatré anni (nnche Fellini era nato del ’20), che si ritira in campagna per elaborare la sua nuova sceneggiatura, anche se è continuamente pressato dalla troupe, dalla moglie e dall’amante. Sfinito e rassegnato, decide infine di ritirarsi dalla scena del cinema quando capisce, come grazie ad una sperata luce improvvisa, che anche il tormento e le persone che per lui lo rappresentavano, fanno parte di lui e della sua vita. Ecco che, sulla scena di un’ambientazione bucolica , prende vita l’ultima celebre scena di 8 e ½: tutti i personaggi si riuniscono e roteano in un girotondo, diretto dal protagonista e cadenzato dalla musica di lui bambino. La scena adesso si è spostata dall’individuale al corale, e la gioia di vivere è il nuovo tramite tra l’una e l’altra dimensione.

Oggi tutto questo riprenderà vita nella versione restaurata a cura del Centro sperimentale di Cinematografia  – Cineteca Nazionale in collaborazione con RTI Gruppo Mediaset e Deluxe Digital Roma che, dopo la presentazione al festival di Torino, ora esce in versione dvd e Blu Ray per la Mustang Entertainment con distribuzione CG Home Video.

Un capolavoro che merita di essere ripreso perché, durante un momento di crisi come era quello che ha invaso i nostri anni ’60, in cui la massificazione e la vacuità regnavano incontrastate, a differenza della maggior parte degli artisti a lui contemporanei Federico Fellini ha recuperato la dimensione primitiva e infantile in cui tutti sappiamo riconoscerci, e con questa ha avuto il coraggio di approdare al lieto fine.

Cecilia Lazzareschi

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Giuramento della Palla avvelenata

Giuramento della Palla avvelenata

articolo scritto da: