•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 5 agosto, 2015

articolo scritto da:

Lite Salvini Vauro ad Agorà. Ed il leader leghista se ne va

lite salvini vauro

Ad Agorà, trasmissione televisiva RAI, va in scena un incandescente dibattito tra il leader della Lega Nord Matteo Salvini ed il vignettista Vauro Senesi. Uno scontro a colpi di insulti, con l’abbandono finale dello studio da parte del politico padano.

“Sono buonista e radical chic, ma io non interloquisco con un individuo che disprezzo moralmente profondamente”, l’accusa di Vauro. Piuttosto pacata la replica del leghista: “lo abbraccio e gli mando un bacione”.

Gli animi si scaldano ulteriormente quando Vauro contesta alla conduttrice l’aver associato al tema delle morti in mare quello del riso freddo che alcuni migranti avrebbero rifiutato, argomento introdotto da Salvini. Dinanzi a tale critica arriva la dura contestazione della forzista Lucia Ronzulli – “È surreale che Vauro dica ad una giornalista come deve condurre. È surreale la superiorità morale di Vauro, si vede il livore e odio quando parla di Salvini” – che provoca la nuova reazione del vignettista: “Sono scosso emotivamente perché siamo testimoni di un olocausto, 2000 morti in 6 mesi. Cogl… che non siete altro!”.

Lite Salvini Vauro, il leghista abbandona

In un crescendo di polemiche arriva la presa di posizione di Salvini che, dichiarandosi “schifato dall’intolleranza dei tolleranti in studio” decide di abbandonare la diretta. Per poi commentare l’accaduto sul proprio profilo twitter: “#Vauro Senesi, vignettista di sinistra, ora in diretta su Raitre: ‘Io disprezzo Matteo #Salvini, è razzista e fascista’. Che dite, querela?”

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Giuramento della Palla avvelenata

Giuramento della Palla avvelenata

articolo scritto da: