La sinistra saluta la scomparsa di Armando Cossutta

Pubblicato il 15 Dicembre 2015 alle 10:01 Autore: Redazione
Armando Cossutta, Partito Comunista, l'esponente comunista ai microfoni del tg1 ed alle sue spalle il simbolo di falce e martello

Si è spento a Roma Armando Cossutta uno dei più autorevoli esponenti del Partito Comunista Italiano. Tra i fondatori, dopo la scomparsa del PCI, prima di Rifondazione Comunista e poi del Partito dei Comunisti Italiani Cossutta è stato una figura di riferimento del movimento comunista italiano, di prestigio internazionale e autorevole esponente della istituzioni della Repubblica.

Tra i più filo-sovietici tra i dirigenti italiani ha contraddistinto la sua azione politica con prese di posizioni sempre nette. “Nella nostra memoria – si legge nel comunicato del Pdci – rimane incancellabile il contributo fondamentale politico e culturale che Cossutta ha dato alla causa del comunismo e alla ricostruzione in Italia di una forza comunista dopo lo scioglimento del Pci. Ai suoi cari va l’abbraccio e la vicinanza di tutto il Partito Comunista d’Italia”.

sinistra_scomparsa_armando_cossutta_comunista

Cossutta si era dedicato alla politica attiva nel 2006

Cossutta, nato a Milano il 2 settembre del 1926, è stato una delle colonne negli anni in cui il rapporto con Mosca era più forte. Si era iscritto al partito nel 1943 ed aveva partecipato alla resistenza nelle brigate Garibaldi. Nel dopoguerra divenne dirigente del partito. Fu segretario del Pci milanese e lombardo, per entrare poi in Parlamento nel 1972, restandovi fino al 2006 quando si è ritirato dalla politica attiva. Nell’agosto di quest’anno aveva perso la moglie Emilia.

L'autore: Redazione

Redazione del Termometro Politico. Questo profilo contiene articoli "corali", scritti dalla nostra redazione, oppure prodotti da giornalisti ed esperti ospiti sulle pagine del Termometro.
    Tutti gli articoli di Redazione →