Eni: il complotto contro Descalzi e Renzi

Pubblicato il 8 Luglio 2016 alle 18:14 Autore: Redazione
scaroni, complotto contro renzi, renzi mossad, eni, eni descalzi

Eni: il complotto contro Descalzi e Renzi

Si stava mettendo in atto un meccanismo di falsi dossier per innescare un vero e proprio complotto, col tentativo di defenestrare Claudio Descalzi, amministratore delegato di Eni, tirando in ballo anche il Presidente del Consiglio, Matteo Renzi, con l’accusa di essere un uomo del Mossad. Un accusa in realtà non nuova e nel corso dell’articolo scopriremo perché.

complotto contro renzi, renzi mossad, eni, eni descalzi

Eni: il complotto contro Descalzi e Renzi

Lo scenario cospiratore che puntava a ribaltare il vertice della più importante azienda petrolifera italiana è nella tesi dell’ex manager Eni Vincenzo Armanna, esposta davanti ai giudici del tribunale di Siracusa che vogliono far luce su questa fitta e nebulosa rete di presunte pressioni esercitate nei confronti del premier, facendo leva su i suoi fedelissimi: Marco Carrai, Luca Lotti, e Andrea Bacci. L’obiettivo era quello di “scalzare” Descalzi e sostituirlo con Umberto Vergine.

Chi tramava contro Renzi aveva pianificato la diffusione sui giornali di una falsa notizia che paventava il finanziamento ricevuto dal servizio segreto israeliano. Armanna nelle sue dichiarazioni ai pm nega la veridicità di questa notizia, anche perché era proprio lui ad aver ricevuto l’incarico di elaborare un falso dossier da mettere nelle mani del Copasir in modo da dare attendibilità alla notizia.

L’esistenza di un complotto contro l’attuale premier, se non fosse smentito, è d’importanza rilevantissima in quanto svela la presenza di alcune personalità in grado di mettere in crisi la stabilità italiana puntando a disarcionare le massime cariche dello Stato. In relazione, poi, a quanto aggiunto da Armanna, si ipotizza l’altro fine di tutta questa messa in scena, ovvero proteggere Enrico Letta dalla scalata di Renzi a Palazzo Chigi. Saranno i Pm di Siracusa a verificare l’attendibilità di queste affermazioni.

Rimane sotto traccia l’accostamento di Renzi al Mossad. Già alcuni mesi fa Massimo D’Alema, come riporta un retroscena del Corriere della Sera, aveva pronunciato nel corso di una cena una frase che emblematicamente raffigurava Renzi come un uomo in mano ai servizi segreti israeliani.

Andrea Ficchì

L'autore: Redazione

Redazione del Termometro Politico. Questo profilo contiene articoli "corali", scritti dalla nostra redazione, oppure prodotti da giornalisti ed esperti ospiti sulle pagine del Termometro.
    Tutti gli articoli di Redazione →