•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 9 giugno, 2014

articolo scritto da:

Confindustria, Squinzi “Corruttori non possono stare tra noi”

“Non ci interessa sapere se gli imprenditori che corrompono lo fanno perché obbligati o per vero e proprio spirito doloso: essi non possono stare tra noi, questo deve essere chiaro”. Lo afferma il presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi all’assemblea di Assolombarda.

“Noi lavoriamo nelle regole e le rispettiamo – aggiunge Squinzi intervenendo all’assemblea di Assolombarda – e chi non lo fa deve stare fuori da casa nostra”, ma “dobbiamo ridurre seriamente i costi di funzionamento della burocrazia, cancellando tutto ciò che sottrae valore ed efficienza e crea una rete capillare di nepotismo e di ruoli inutili”.

Secondo il presidente di Confindustria “è la densità di questa sostanza fatta di leggi, regolamenti, enti, tutti controllati dalla politica, che fa prosperare la corruzione, l’evasione e il malaffare”.

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Giuramento della Palla avvelenata

Giuramento della Palla avvelenata

articolo scritto da: