pubblicato: mercoledì, 9 Nov, 2016

articolo scritto da:

Referendum costituzionale, che cosa dicono gli ultimi sondaggi

referendum costituzionale

Il ciclone Donald Trump potrebbe avere delle forti ripercussioni anche sul referendum costituzionale del prossimo 4 dicembre. A meno di 25 giorni dal voto, la situazione descritta dalla maggior parte dei sondaggi vede in testa il fronte del No.

I contrari alla riforma della Costituzione sono per lo più localizzati nel Sud Italia, con la Sicilia a tirare la volata al No. Nella regione insulare il Sì è dato indietro di oltre dieci punti, afferma in un colloquio con la Stampa, Fausto Raciti, segretario regionale del Pd siciliano.

Referendum costituzionale, orientamento del voto

Al Nord invece i Sì sarebbero in vantaggio. Come mai questa discrepanza? Il primo è tecnico. Al Sud ci sono molti problemi di infrastrutture e di finanza pubblica. Il secondo è territoriale: “I sondaggi ci dicono che il sì è particolarmente forte nel nord-ovest ed è ampiamente in partita anche nel nord e centro Italia: sono le aree del paese dove storicamente si vota di più, questo è certo un buon viatico per il referendum del 4 dicembre” spiega il senatore Pd Andrea Marcucci.

E le percentuali quali sono? Scrive La Stampa:

Nella sede del Comitato del Sì a Santi Apostoli analizzano i sondaggi comparati di vari istituti secondo cui «nel nord ovest è in testa il Sì, nel nord est avanti il no con una percentuale del 2-3%, il centro è da considerarsi pari, anche se per due istituti su quattro è in testa il no. Mentre al sud e nelle isole è fortemente in testa il No». Ecco in una siffatta realtà, il messaggio ottimistico è che il nord ovest e il centro sono le regioni con le serie storiche di maggiore partecipazione al voto «e ce la giochiamo in tutti e tre». E quindi il Si spera in un’ affluenza alta al centro nord e bassa nel sud.

Referendum costituzionale, indecisi decisivi

A giocare un ruolo decisivo saranno però gli indecisi. Quasi tutti i sondaggi li quotano intorno al 25/30% del totale. Non è escluso che gli italiani, visto quanto successo negli Stati Uniti, decidano di dare fiducia alla stabilità e quindi al governo. E’ questa l’ultima speranza alla quale si aggrappa il premier Renzi.

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

articolo scritto da: