pubblicato: venerdì, 2 giugno, 2017

articolo scritto da:

Sondaggi elettorali Index: il Movimento 5 Stelle torna a correre, +4% sul PD

sondaggi elettorali index - intenzioni di voto 1 giugno

Sondaggi elettorali Index: il Movimento 5 Stelle torna a correre, +4% sul PD

Il Movimento 5 Stelle aumenta il proprio vantaggio sul PD di quasi un punto e mezzo nel giro di 7 giorni. Questo è uno degli aspetti più importanti dell’ultimo dei sondaggi elettorali condotti da Index Research per Piazzapulita.

Secondo l’istituto, il M5S guadagna quasi un punto, salendo al 30.1%. Contestualmente al calo di mezzo punto da parte del PD (ora al 26.1%) il distacco tra i 2 partiti è ora di ben 4 punti a favore dei pentastellati.

ultimi sondaggi, sondaggi politici elettorali

Sondaggi elettorali Index: M5S e PD si “muovono”, stabili gli altri partiti

Escludendo le considerevoli oscillazioni dei 2 principali partiti, il resto dello scenario resta sostanzialmente invariato. Stabile resta l’area a sinistra del PD, rappresentata da Sinistra Italiana (2.2%, un decimo in meno rispetto ad una settimana fa) e Articolo Uno Democratici e Progressisti (3.6%, cioè +0.1% rispetto alla precedente rilevazione).

sondaggi elettorali index - intenzioni di voto 1 giugno

Nessuna variazione di rilievo nemmeno considerando complessivamente il trio di centrodestra, formato da Forza Italia, Lega Nord e Fratelli d’Italia. A cambiare notevolmente è però il distacco tra i due principali partiti dell’area. Con Forza Italia che cede 3 decimi e il partito di Salvini che ne guadagna 2. Con la formazione di Berlusconi che resta sì il partito di maggioranza relativa del centrodestra, ma con soli 3 decimi di vantaggio sul Carroccio. Stabile invece Fratelli d’Italia, poco sotto il 5%.

sondaggi elettorali index - intenzioni di voto centrodestra 1 giugno

Sondaggi elettorali Index: la distribuzione dei seggi in base al sistema tedesco

Ed è proprio il partito della Meloni, insieme all’area a sinistra del PD e ai centristi di Alternativa Popolare (2%), a rappresentare il nucleo di grandi esclusi dalla ripartizione dei seggi alla Camera, in caso di adozione del cosiddetto sistema tedesco.

Stando alla rilevazione condotta da Index, infatti, sarebbero solo 4 i partiti ammessi a Montecitorio. Con il M5S a precedere tutti con 231 seggi, ovvero 31 in più del PD. Il quale, a sua volta, doppierebbe Forza Italia, che ne conquisterebbe 101, cioé 3 in più della Lega Nord.

sondaggi elettorali index - distribuzione seggi 1 giugno

Un tale scenario renderebbe impossibile la creazione di una maggioranza di governo politicamente omogenea. E così l’unica opzione politicamente percorribile diventerebbe l’asse “sovranista” tra M5S e Lega Nord. In grado di ottenere 329 seggi, ovvero 13 in più della maggioranza assoluta alla Camera. Si fermerebbe a 301 invece il “Nazareno 2.0”, cioè l’alleanza tra PD e Forza Italia. Ma con FDI sul filo del 5% lo scenario potrebbe essere ulteriormente frammentato.

sondaggi elettorali index - coalizioni e alleanze 1 giugno

Tuttavia, al di là delle eventuali accelerazioni sulla legge elettorale, gli italiani non sembrano avere fretta di ritornare alle urne. A preferire il voto in autunno è solo un italiano su 3. La maggioranza assoluta degli intervistati preferisce invece che la legislatura arrivi a scadenza naturale.

sondaggi elettorali index - intenzioni di voto anticipato 1 giugno

Nota informativa – in attesa di diffusione

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

Bitcoin

Bitcoin

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Termometro delle Voluttà

Termometro delle Voluttà

L'ultima manovra

articolo scritto da: