Romania, mèta prediletta del turismo italiano

Pubblicato il 5 Aprile 2012 alle 17:12 Autore: EaST Journal

La Romania è sempre più una meta turistica per gli italiani. E non sorprende. Secondo i dati dell’Istituto nazionale di ricerca e sviluppo turistico della Romania, gli italiani hanno registrato il più alto incremento di viaggiatori in Romania nel 2011 rispetto al 2010, pari al 18,5%, superando così il mercato tedesco, che ha registrato un +12,1%. Nel 2011 la Romania ha registrato un’incremento complessivo del 12,8% nei flussi turistici dall’estero. I principali tre mercati restano Germania, Italia e Francia. Il picco è stato ottenuto nel mese di agosto (+12% rispetto allo stesso mese del 2010). La maggior parte dei viaggiatori dall’estero ha scelto agriturismi (+35,8%), alberghi (+13,1%) e bed&breakfast (+8,5%).

[ad]Da turista (ché non sono di quelli che se la tirano dandosi del viaggiatore, ho ancora rispetto per Bruce Chatwin) che ha gironzolato per la Romania e ancora intende gironzolarci, posso dire che la bellezza dei luoghi, dai monasteri ortodossi alle chiese fortificate sassoni, dal medioevo dei ciottoli di Sighisoara ai villaggi della Bucovina, dagli occhi di Sibiu ai silenzi di Horezu, è tale che non mi sorprende il successo romeno tra le destinazioni turistiche italiche. Complice forse il buon numero di romeni in Italia (circa ottocentomila) gli italiani si sono avventurati per le strade di un Paese ricco di storia e cultura, un grande Paese europeo, di cultura latina e slava, dove forse non sono automobilisti coscienziosi ma certo non sono i ladri, assassini, stupratori che certa politica e certa stampa dipinge. Conoscere l’est è un modo per vincere i pregiudizi. Speriamo dunque che sempre più compatrioti si perdano per i monti Fagaras, o si bevano una buona birra (la Romania ne ha di ottime) in un dehor di Brasov.

Da East Journal

di Matteo Zola

L'autore: EaST Journal

East Journal è un progetto di giornalismo partecipativo che nasce dal basso, fatto da giovani e senza fini di lucro. East Journal è una testata registrata presso il Tribunale di Torino, n° 4351/11, del 27 giugno 2011. I contenuti sono condivisi con Termometro Politico grazie alla partnership nata da marzo 2012 tra le due testate giornalistiche. Il nostro obiettivo è quello di raccontare la “nuova” Europa, quella dell’est, che rappresenta il cuore antico del vecchio continente. La cultura e la storia ci insegnano la comune appartenenza. L’europeismo critico è dunque una nostra vocazione. Tra i nostri temi più cari figurano poi la tutela delle minoranze, l’analisi dell’estremismo di destra, la geopolitica energetica, il monitoraggio del crimine organizzato transnazionale.
    Tutti gli articoli di EaST Journal →