• 6
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 8 marzo, 2018

articolo scritto da:

Elezioni 2018: candidati vip eletti e sconfitti, chi sono e i partiti

elezioni 2018

Elezioni 2018: candidati vip eletti e sconfitti, chi sono e i partiti

Queste elezioni 2018 hanno visto la partecipazione anche di alcuni vip e volti noti; non tutti, però, sono riusciti a conquistare un seggio in Parlamento. Vediamo qui di seguito chi è stato eletto e chi, invece, ha subito una sconfitta e non sarà parte attiva di questa nuova legislatura.

Elezioni 2018, vip eletti: ecco chi ce l’ha fatta e chi no

Per quanto riguarda il mondo del giornalismo, ad essere stato eletto è l’ex direttore di SkyTg24 Emilio Carelli; candidato con il M5s nel collegio uninominale di Fiumicino, il giornalista è infatti riuscito nell’impresa. Stessa buona sorte anche per Giorgio Mulè, ex direttore di Panorama candidato da Silvio Berlusconi per Forza Italia in Liguria. E per il condirettore di Repubblica Tommaso Cerno che, candidatosi con il Pd, è riuscito ad essere eletto nel collegio di Milano 1. A non farcela invece né la Iena Dino Giarrusso, candidato all’uninominale di Roma per il M5s, né la giornalista e scrittrice Francesca Barra; quest’ultima, pur candidatosi con il Pd per la Camera dei Deputati in Basilicata – regione storicamente favorevole al centrosinistra – è riuscita ad ottenere solo il 18% dei consensi.

Altra storia è quella di Gianluigi Paragone; il giornalista, candidato con il M5s, non è riuscito a prevalere sull’avversario leghista Stefano Candiani all’uninominale per il Senato di Varese. Nonostante la disfatta però Paragone entrerà comunque in Parlamento grazie al ripescaggio in quota proporzionale insieme al comandante anti-Schettino Gregorio De Falco (M5s). E anche a Lucia Annibali, il noto avvocato che subì un’aggressione con l’acido da parte dell’ex fidanzato e che, pur sconfitta all’uninominale di Parma, è stata ripescata come il giornalista de La Gabbia.

Elezioni 2018, Sgarbi ripescato: “Quello è un territorio di disperati”

Altri debuttanti della politica, ma provenienti stavolta dall’universo sportivo, sono l’atleta paralimpica Giusy Versace (FI) e l’ex ad del Milan Adriano Galliani (FI); niente da fare invece per il presidente della Lazio Claudio Lotito che, sempre con Forza Italia, si era candidato nel collegio Campania Nord.

Infine altri due flop elettorali; quello di Domenico Fioravanti (M5s) – campione olimpico e ministro apparso nella famosa lista di Di Maio – e quello di Vittorio Sgarbi. Quest’ultimo, che è stato comunque eletto sempre grazie al ripescaggio in quota proporzionale nel collegio di Modena-Ferrara, ha subìto una pesante sconfitta da parte del suo avversario, Luigi Di Maio; il candidato premier cinquestelle è riuscito addirittura a triplicare la percentuale di consensi raggiunta dal critico d’arte. Sgarbi, dal canto suo, ha lamentato la sconfitta sostenendo che quello di Acerra non è un collegio ma “un territorio di disperati che danno i voti a un personaggetto, a uno che non sa neanche guidare“.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Sondaggio

Sondaggio su Saviano

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

Bitcoin

Bitcoin

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Termometro delle Voluttà

Conte o non Conte

articolo scritto da: