• 20
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 26 marzo, 2018

articolo scritto da:

Elezioni 2018: vicepresidenti di Camera e Senato, la suddivisione dei partiti

elezioni 2018

Elezioni 2018: vicepresidenti di Camera e Senato, la suddivisione dei partiti

Dopo l’elezione dei Presidenti di Camera e Senato, adesso, al Parlamento tocca completare la propria configurazione istituzionale. Le tappe sono ben note; innanzitutto, si devono formare i gruppi parlamentari, cioè i parlamentari devono dichiarare a quale intendono iscriversi. Accadrà oggi. Domani, invece, i gruppi che si sono venuti a formare eleggeranno i propri capigruppo. Infine, tra mercoledì e giovedì, le camere si riuniscono ed eleggono i componenti dei rispettivi Uffici di Presidenza; dunque, nello specifico, vengono eletti 4 vicepresidenti, 3 questori e 8 segretari per ogni aula. Stando ai regolamenti di Camera e Senato tutti i gruppi parlamentari devono essere rappresentati negli Uffici di Presidenza.

Secondo quanto si può apprendere dagli organi di stampa, è chiara la situazione al Senato. I 4 vicepresidenti di Palazzo Madama dovrebbero andare: al Pd, il nome sarebbe quello di Valeria Fedeli; alla Lega, che dovrebbe proporre Roberto Calderoli; al Movimento 5 Stelle (Vito Crimi); a Liberi e Uguali (forse Loredana De Petris). Forza Italia, dato che conta il Presidente non partecipa alla ripartizione.

Per quanto riguarda la Camera poi i Dem indicheranno con tutta probabilità Roberto Giachetti; per gli altri 3 nomi spazio ai partiti della coalizione di centrodestra FI, Lega e Fratelli d’Italia. Come Forza Italia al Senato, i 5 stelle non partecipano alla ripartizione a Montecitorio poiché hanno già il Presidente.

Elezioni 2018: vicepresidenti di Camera e Senato, la suddivisione dei partiti

La votazione per le cariche degli Uffici di Presidenza, in pratica, è uguale a quella per i Presidenti. Nel senso che è segreta e si utilizzano delle schede. Inoltre, è previsto il meccanismo del “voto limitato”; ogni parlamentare può votare un numero di candidati inferiore a quelli da eleggere.

Passata questa fase si cominceranno a muovere i primi passi verso l’individuazione di una maggioranza e la formazione di un esecutivo. A quanto è dato sapere, le consultazioni partiranno subito dopo Pasqua: le forze politiche saranno chiamate al Colle dal 3 aprile in avanti.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

Bitcoin

Bitcoin

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Termometro delle Voluttà

Solidarietà al popolo ungherese

articolo scritto da: