• 7
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 10 aprile, 2018

articolo scritto da:

Modello 730 2018: istruzioni e nuove detrazioni del precompilato

Modello 730 2018: istruzioni e detrazioni precompilato

Modello 730 2018: istruzioni e nuove detrazioni del precompilato.

Il modello 730 2018 porta con sé alcune novità rispetto allo scorso anno. Prima delle quali risulta essere la scadenza, che per l’ordinario corrisponde a lunedì 9 luglio 2018; per chi effettua il 730 precompilato invece il termine ultimo è il 23 luglio. Tra i cambiamenti spicca anche quelli relativi alla dichiarazione dei redditi integrativa a favore del contribuente, la cui scadenza corrisponde al 31 dicembre del 5° anno successivo a quello della dichiarazione dei redditi originale. Tra le novità più importanti spuntano invece nuove detrazioni. Ecco alcuni chiarimenti nel dettaglio.

Modello 730 2018: spese detraibili

Le spese detraibili si avvalgono di alcune novità sotto l’aspetto sanitario. Così trovano spazio le spese sostenute per prestazioni infermieristiche, per acquisti effettuati nei negozi di ottica e per interventi veterinari; oltre che i costi sostenuti per farmaci da banco, per sedute dallo psicologo per servizi di ostetricia. Quindi, i cambiamenti riguardano le detrazioni 730, in alcuni casi per i limiti di spesa. Pertanto, le detrazioni 730 riguardano il bonus produttività e le donazioni alle scuole; gli interventi di riqualificazione energetica. Quindi i terreni dei coltivatori diretti. Infine, non mancano detrazioni rientranti in un regime speciale per i lavoratori italiani che rientrano nel Paese e il cosiddetto bonus domotica.

Modello 730 2018: cosa cambia, dalle locazioni ai premi produttività

Nella guida diffusa dall’Agenzia delle Entrate, un capitolo è dedicato ai cambiamenti avvenuti rispetto al 2017. Infatti, oltre alla già citata scadenza, l’elenco delle novità comprende i seguenti elementi.

  • Cedolare secca. A partire dal 1° giugno 2017 i comodatari e gli affittuari che locano gli immobili per periodi non superiori a 30 giorni possono assoggettare a cedolare secca i redditi che provengono da queste locazioni.
  • Locazioni brevi. A partire dal 1° giugno 2017 i redditi dei contratti di locazione che non superano 30 giorni e che sono stati conclusi da intermediari immobiliari (anche online) sono soggetti a una ritenuta del 21%; questo qualora tali soggetti intervengano nel pagamento o incassino i canoni o i corrispettivi che provengono dai contratti di locazione breve.
  • Premi di risultato e welfare aziendale. Il limite dei premi soggetti a tassazione agevolata è stato innalzato di 1.000 euro. Ovvero, da 2.000 a 3.000 euro. Inoltre, il limite può subire un incremento di ulteriori 1.000 euro a 4.000 euro; qualora l’azienda coinvolga pariteticamente i lavoratori nell’organizzazione del lavoro; e se i contratti aziendali e territoriali sono stati stipulati fino al 24 aprile 2017.

Detrazioni figli a carico: calcolo e come richiederle.

Modello 730 2018: cosa cambia, dal Sisma Bonus alle spese sanitarie

Proseguiamo con l’elenco di novità e le istruzioni per la compilazione del modello 730 2018.

  • Sisma Bonus. Incrementano le percentuali di detrazioni per gli interventi antisismici su parti comuni di edifici condominiali; inoltre, per tutti quegli interventi finalizzati alla riduzione della classe di rischio sismico.
  • Ecobonus. Aumentano le percentuali di detrazione per alcuni interventi di riqualificazione energetica su parti comuni degli edifici condominiali.
  • Spese di istruzione. Il limite delle spese di istruzione per la frequenza di scuole dell’infanzia fino alla scuola secondaria di secondo grado sale a 717 euro;
  • Spese studenti universitari. Il requisito della distanza dello studente fuori sede, che dà diritto alla detrazione del 19%, è stato ridotto a 50 km per chi vive in zone montane o disagiate.
  • Spese sanitarie. Per gli anni 2017 e 2018 le spese sostenute per l’acquisto di alimenti a fini medici speciali inserite nella sez. A1 del Registro Nazionale diventano detraibili (esclusi quelli destinati ai lattanti).

Modello 730 2018: cosa cambia, dall’Art Bonus al contributo di solidarietà

Concludiamo l’elenco delle novità del modello 730 2018 con questi ultimi punti elencati dall’Agenzia delle Entrate.

  • Art Bonus. A partire da fine dicembre 2017 è possibile usufruire delle detrazioni da erogazioni liberali effettuate nei confronti di istituzioni concertistico-orchestrali; teatri nazionali; teatri di rilevante interesse culturale; festivla; imprese e centri di produzione teatrale e di danza.
  • Borse di studio. Le borse di studio nazionali per il merito e la mobilità erogate dalla Fondazione Articolo 34 sono esenti.
  • 5 per mille. La novità consiste nel poterlo donare agli enti che gestiscono le aree protette.
  • Addizionale comunale Irpef. Nuova casella “Fusione Comuni” nel rigo Domicilio Fiscale al 1° gennaio 2017, che si trova sul frontespizio del modello.
  • Contributo di solidarietà. Infine non c’è più il regime fiscale così denominato.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Sondaggio

Sondaggio su Saviano

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

Bitcoin

Bitcoin

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Termometro delle Voluttà

Conte o non Conte

articolo scritto da: