pubblicato: mercoledì, 11 Apr, 2018

articolo scritto da:

Reddito di cittadinanza: perchè al sud non serve, l’analisi

Reddito di cittadinanza perchè al sud non serve, l'analisi

Reddito di cittadinanza: perchè al sud non serve, l’analisi

Intorno al reddito di cittadinanza continua a svilupparsi una discussione intensa. Sono molti infatti a ritenere la proposta dal Movimento 5 Stelle come sostegno economico e contrasto alla povertà indispensabile in una situazione di difficoltà per il Paese. Allo stesso modo c’è chi critica l’impostazione della misura e pensa che sia necessario andare oltre per liberare le risorse e diminuire la disoccupazione. Al momento non è dato sapere se sarà raggiunto l’obiettivo della nascita di un governo e se sarà dunque possibile passare dalle parole ai fatti, come illustrato a gran voce da Di Maio e dai 5 Stelle in campagna elettorale.

‘Andare oltre’ il Reddito di cittadinanza, dibattito aperto

Interviene nella discussione sul reddito di cittadinanza dalle pagine di Linkiesta Fulvio Giuliani. Secondo cui andrebbe spostato tutto il ragionamento intorno alle ricette economiche da offrire a ‘un tessuto sociale sfibrato, sfiduciato, privato della risorsa più preziosa, il futuro’. Perciò chiede ‘coraggio’ con cui ‘andare oltre’ il reddito di cittadinanza. Nell’articolo si chiede a Di Maio di fare proposte che pongano ‘condizioni per fare, non per aspettare’. Ci si chiede se il M5S avrà coraggio e capacità per andare oltre le parole d’ordine ‘prima che si trasformino in una gabbia’. Tutto ciò secondo il giornalista è necessario per dare la possibilità ai potenziali destinatari del reddito di cittadinanza di ‘prendere in mano la propria vita’. Altrimenti si rischia la ‘desertificazione economica di un terzo del Paese’ ed il ‘futuro politico del primo partito del Paese’.

Accise sulla benzina, Salvini ‘le cancelleremo subito’

Reddito di cittadinanza, Standing ‘Farà bene all’Italia’

Invece è dell’avviso che il reddito di cittadinanza va nella giusta direzione l’economista inglese Guy Standing. Si tratta del teorizzatore del reddito di base universale, teoria secondo cui si dovrebbe riconoscere una certa somma di denaro a ogni persona residente in un Paese, ricca o povera che sia, che lavori o meno. Per lui ‘un reddito di base avrebbe effetti molto benefici sull’economia italiana’. ‘Incoraggerebbe – per Standing – la produzione localizzata di beni e servizi e darebbe ai precari una maggior fiducia e la capacità di investire e assumersi rischi imprenditoriali. Questi effetti sono stati raggiunti in altri paesi e secondo me sarebbero probabilmente più forti in Italia’. Molto apprezzabile dal suo punto di vista l’idea proposta dai 5 Stelle. ‘Ha cambiato la prospettiva e portato una politica vitale all’interno del dibattito pubblico italiano’.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

articolo scritto da: