• 8
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 31 maggio, 2018

articolo scritto da:

G7 Canada 2018: partecipanti e agenda, Italia a rischio assenza

g7 canada 2018

G7 Canada 2018: partecipanti e agenda, Italia a rischio assenza

L’attuale crisi di governo stride con gli appuntamenti internazionali che coinvolgeranno a breve l’Italia. Tematiche strategiche per il futuro dell’Eurozona e del mondo; in primis, di questo di parlerà al G7 finanziario che inizia stasera in Canada. Un appuntamento che precede il G7 dei Capi di Stato e di Governo previsto ancora in Canada l’8 e il 9 giugno.

L’Italia, al netto delle ultime voci sulla formazione di un esecutivo Lega-5 Stelle, rischia di essere di fatto assente dai tavoli. Questo perché non esistono ancora titolari a Palazzo Chigi e nei dicasteri che abbiano i pieni poteri garantiti da un mandato pieno.

A regnare sovrana è dunque l’incertezza dei funzionari di via XX settembre. L’uscente Pier Carlo Padoan è già in pre-allarme, pronto a prendere il primo aereo per il Canada insieme al Governatore della Banca d’Italia Ignazio Visco. Tuttavia, se dalla capitale dovesse arrivare la soluzione alla crisi (politica o tecnica che sia), il protocollo prevede che Padoan faccia un passo indietro in favore del direttore della sezione Rapporti Finanziari Gelsomina Vigotti, già atterrata a Whistler.

G7 Canada 2018: i temi sul tavolo

Il summit preparatorio tra i ministri dell’Economia di Usa, Giappone, Germania, Regno Unito, Francia, Italia e Canada vede al centro una questione molto spinosa: i dazi imposti da Donald Trump all’Europa su acciaio e alluminio. Un punto sul quale l’Italia non può stare a guardare, essendo la nona forza mondiale del settore per esportazioni. Il rischio per il nostro paese è quello di assistere in modo passivo allo sviluppo della discussione; senza la possibilità di assumere una posizione forte, magari in alleanza con Francia e Germania, gli altri due partner europei penalizzati dalla decisione del Governo americano.

G7 Canada 2018: i nodi sull’Eurozona

Il sostituto di Angelino Alfano al Ministero degli Esteri è atteso in Lussemburgo il 24 giugno al Consiglio Affari generali. Il nuovo premier, invece, avrà come primo banco di prova il Consiglio Europeo del 28 giugno a Bruxelles. In entrambi i casi si affronteranno temi decisivi come la proroga delle sanzioni alla Russia; potrebbe arrivare anche  la proposta di un bilancio comune da Emmanuel Macron. Il presidente francese si aspetta su questo una sponda dell’Italia in funzione anti-tedesca. La Merkel, invece, potrebbe rilanciare su completamento dell’unione bancaria e garanzie sui depositi. Infine, ultimo ma non meno importante, il punto sulla questione migranti (superamento del regolamento di Dublino sui richiedenti asilo).

L’11 e 12 luglio, inoltre, a Bruxelles è atteso Donald Trump per il consiglio Nato; in ballo decisioni importanti su lotta al terrorismo, rapporti Ue-Nato e atteggiamento da tenere nei confronti della Russia e del suo protagonismo sempre più accentuato in Medioriente (crisi siriana).

Qualche giorno dopo in Argentina si terrà il G20 dei ministri economici; preludio del G20 dei capi di Stato e di Governo di fine novembre a Buenos Aires. Senza dimenticare che, a fine 2018, all’Italia tocca assumere la presidenza dell’Osce, l’organo che promuove la pace il dialogo tra le nazioni europee.

Giancarlo Manzi

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

Bitcoin

Bitcoin

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Termometro delle Voluttà

Solidarietà al popolo ungherese

articolo scritto da: