articolo scritto da facebook icona autore twitter icona autore

Pensioni ultime notizie: Quota 100 entro il 2018. Salvini va avanti

Pensioni ultime notizie Quota 100 entro 2018 governo ultime notizie luigi patronaggio

Pensioni ultime notizie: Quota 100 entro il 2018. Salvini va avanti.

Quota 100 Salvini: le ultime notizie sulle pensioni


Sul tema pensioni ultime notizie toccano le varie ipotesi di Quota 100, le risorse che servono, le tempistiche di introduzione. Il leader della Lega e ministro dell’Interno Matteo Salvini continua ad andare avanti per la sua strada. Ne ha parlato anche alla trasmissione L’aria pulita, su Italia 7 Gold. Entro il 2018 ci saranno delle risposte. Certo è che nella Legge di Bilancio 2019 Quota 100 troverà il suo spazio e con ogni probabilità anche Quota 41 o Quota 42. C’è poi ancora la volontà di alzare le pensioni minime, ma anche per questo bisogna trovare le risorse riducendo gli sprechi.

Pensioni ultime notizie: Salvini su Quota 100, “Entro il 2018 risposte”

L’Inps è in totale disaccordo con la proposta di lanciare Quota 100 per superare la Legge Fornero. Troppi i costi nell’immediato, numerosi i soggetti che andrebbero ad arricchire la platea di pensionati d’un colpo. I costi salirebbero fino al 2030, anno in cui finalmente si vedrebbe una riduzione, fino a tramutarsi in risparmi nel 2040. Ma i 5 miliardi di euro teorizzati dal contratto di governo sembrano fantascienza rispetto alle cifre fatte uscire dall’Inps.

Matteo Salvini non dimentica e si scaglia ancora una volta contro Tito Boeri. “Toccare la Legge Fornero costa troppo? È una bufala. Così come è falso che ci sia il bisogno di immigrati per fare certi lavori o per pagare le pensioni degli italiani”.

LO SPECIALE SULLE PENSIONI A QUESTO LINK

Entro il 2018 ci saranno comunque delle risposte sull’abolizione (ormai superamento) della Legge Fornero. Salvini ha dichiarato che vuole “un segnale entro l’anno”; ma certo è che Quota 100 resta un obiettivo prioritario. Ora serve soltanto teorizzarlo in modo tale da contenere i costi e accontentare tutti i soggetti interessati. Anche se finora le proposte avanzate (requisito minimo anagrafico a 64-65 anni, in primis) non hanno di certo soddisfatto le parti coinvolte.

Una battuta anche sulle pensioni minime. “Aumentarle è il nostro obiettivo”. Le risorse potrebbero trovarsi dal taglio delle pensioni d’oro, ma non solo. Tra qualche mese se ne saprà certo di più, ma è possibile che per i soldi per aumentare le minime bisognerà cercare anche da altre parti.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

ultima modifica: mercoledì, 10 Ottobre 2018