pubblicato: sabato, 25 agosto, 2018

articolo scritto da:

Serie B 2018/2019, il focus: Cittadella, quando nulla è frutto del caso

Serie B Cittadella

Serie B 2018/2019, il focus: Cittadella, quando nulla è frutto del caso

Se dovessimo cercare di individuare una squadra rivelazione della scorsa Serie B saremmo in tantissimi a dire Cittadella (insieme al Venezia, che però aveva in partenza una rosa tecnicamente più attrezzata).

Analizzando la rosa dell’inizio della scorsa stagione dei granata infatti, probabilmente nessuno avrebbe mai scommesso un euro sul Citta come sesta forza del campionato, così come ha poi rivelato la classifica.

Un risultato del genere non è comunque mai frutto del caso.

E’ da diverso tempo che ormai infatti si parla del Cittadella come di un modello societario da seguire, grazie ad un lavoro imprenditoriale esemplare da parte della famiglia Gabrielli, che fa del club veneto una delle piccole grandi realtà maggiormente riconosciute dell’intero panorama calcistico italiano.

I sogni dei tifosi granata di uno storico approdo in Serie A si sono infranti soltanto nella semifinale playoff di ritorno, con la sconfitta contro il Frosinone allo Stirpe che ha chiuso una stagione (comunque memorabile) della rivelazione della Serie B 2017/2018.

LEGGI ANCHE: Foggia, il -8 non fa paura – focus

Serie B 2018/2019, il focus: Cittadella, obiettivi stagionali

Purtroppo nel calcio ripetersi non è mai cosa di poco conto e ciò che ha fatto nella scorsa stagione il Cittadella è assimilabile a un vero e proprio miracolo sportivo.

L’obiettivo stagionale dei veneti è sempre stato quello della salvezza.

Soprattutto considerata la modestia economica del club e delle somme spese sul mercato piuttosto sostenute.

Ad ogni modo da una squadra come quella che ha fatto innamorare tutti lo scorso anno è lecito aspettarsi qualcosa in più di una semplice conferma nella categoria, magari non con i risultati esorbitanti raggiunti nello scorso campionato, ma comunque affrontando le partite con un’ottica diversa e molto meno rinunciataria verso un eventuale approdo ai playoff.

È anche vero però che della rosa 2017/2018 è rimasto ben poco visto che l’ossatura portante della squadra è stata venduta.

Come già dimostrato in passato però, se c’è una cosa che questa società sa fare è stupire e i volti nuovi per farlo non mancano neanche questa stagione.

LEGGI ANCHE: Brescia, la ricetta di Cellino – focus

Serie B 2018/2019, il focus: Cittadella, mercato

In sede di mercato la società, in particolare nella figura del ds Stefano Marchetti, ha operato con la solita politica caratteristica dei veneti, sempre propensi ad investire i propri tesoretti nelle cosiddette scommesse, giocatori giovani, spesso provenienti dalle serie inferiori, considerati pronti a fare il salto di categoria.

Per analizzare al meglio il mercato granata è utile partire dalle cessioni, piuttosto significative visto il peso specifico che hanno avuto certi elementi nel corso della passata stagione.

La lista a tal proposito è piuttosto nutrita.

Il portiere titolare della scorsa stagione, Enrico Alfonso, è stato ceduto al Brescia, i terzini Alessandro Salvi e Enrico Pezzi rispettivamente a Palermo e Carpi, il centrocampisti Paolo Bartolomei e Lucas Chiaretti a Spezia e Foggia e i due attaccanti titolari Andrea Arrighini e Christian Kouamè a Carpi e Genoa.

Per sopperire a queste partenze il club si è riversato sul mercato e ha pescato soprattutto dalla Serie C delle potenziali nuove rivelazioni.

In difesa sono sbarcati i centrali Gabriele Dalla Bernardina dalla primavera dell’Inter, Domenico Frare dal Pontedera e Mirko Drudi dal Trapani.

Sulle corsie laterali troviamo Luca Ghiringhelli, strappato alla Reggiana e già con qualche esperienza in B nel passato, Alberto Rizzo, interessante prospetto mancino dal Trapani e Tommaso Cancellotti dal Brescia.

A centrocampo i nomi nuovi sono quelli di Simone Branca, preso dai danesi del Vejle e di Federico Proia, prelevato dallo Spezia.

Per l’attacco infine sono arrivati l’ex Cremonese Stefano Scappini, Giancarlo Malcore dal Carpi e Mattia Finotto in prestito dalla Spal.

Ricambio generazionale vero e proprio dunque per questo nuovo Citta.

Adesso non resta che attendere il verdetto del campo e sperare che anche quest’anno questa bella realtà possa far divertire i suoi tifosi.

LEGGI ANCHE: Salernitana, adesso i playoff? – focus

Serie B 2018/2019, il focus: Cittadella, probabile formazione

(4-3-1-2): Paleari; CANCELLOTTI, DRUDI, Adorni, Benedetti; Settembrini, Iori, BRANCA; Schenetti; MALCORE, SCAPPINI. Allenatore: Venturato

SEGUI IL TERMOMETRO SPORTIVO ANCHE SU FACEBOOK, TWITTER E TELEGRAM

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

Bitcoin

Bitcoin

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Termometro delle Voluttà

Termometro delle Voluttà

Maestro unico

articolo scritto da: