• 1
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 19 settembre, 2018

articolo scritto da:

Legge 104 con depressione e anoressia, come avere i permessi

Legge 104: depressione e anoressia

Legge 104 con depressione e anoressia, come avere i permessi.

Permessi Legge 104 con ansia e depressione


Hanno diritto ai benefici garantiti dalla Legge 104 i soggetti affetti da disabilità fisica, psichica o sensoriale, stabilizzata o progressiva. Ci si chiede se anche malattie come depressione e anoressia rientrino nell’elenco delle patologie invalidanti. La risposta è affermativa, anche perché l’elenco di tali malattie è stato ultimamente ampliato. E in questa lista rientrano anche la depressione e l’anoressia, con determinate percentuali in base alla tipologia e alla gravità della malattia. Andiamo a vedere le informazioni utili a riguardo.

Legge 104 con depressione e anoressia: l’elenco dei disturbi psichici

Dunque, come abbiamo scritto sopra depressione e anoressia rientrano nell’elenco delle patologie psichiche. Si tratta di patologie invalidanti e che pertanto determinano una forte riduzione della capacità lavorativa, oltre che un eventuale aiuto nello svolgimento delle regolari attività quotidiane.

Nella suddetta lista figurano dunque le seguenti diciture.

  • Depressione maggiore, episodio ricorrente (tab. c1-c2, deficit moderato). Invalidità dal 61% all’80%;
  • Depressione maggiore, episodio ricorrente (tab. c1-c2, deficit grave). Invalidità del 100%;
  • Anoressia nervosa (tab. d, deficit grave). Invalidità dal 75% al 100%.

Queste malattie si aggiungono dunque all’elenco delle seguenti patologie.

Patologia Invalidità
Disturbo amnesico persistente indotto da sostanze (tipo korsakoff). 100%
Schizofrenia di tipo disorganizzato, catatonico, paranoide, non specificata (tab. b1-b2-b3; deficit moderato). 75%
Schiz. di tipo disorganizzato, catatonico, paranoide, non specificata (tab. b1-b2-b3; deficit grave). 100%
Schizofrenia residuale (tab. b1-b2-b3; deficit moderato). 75%
Schiz. Residuale (tab. b1-b2-b3; deficit grave). 100%
Disturbo bipolare I (tab. c1-c2; deficit moderato). 61-80%
Dist. Bip. I (tab. c1-c2; deficit grave). 100%
Disturbo bipolare II e disturbo bipolare sai (tab. c1-c2, deficit grave). 75%
Disturbi deliranti (paranoia, parafrenia, delirio condiviso, altri). 75%
Ritardo mentale di media gravità (q.i. da 35-40 a 50). 61-80%
Ritardo mentale grave e profondo (q.i. <35-40-50. 100%

Permessi 104/92 e congedo: valgono i contributi figurativi.

Legge 104 con depressione e anoressia: permessi e agevolazioni

Come stabilisce la normativa a riguardo, chi soffre di patologie invalidanti con determinate percentuali può ottenere benefici e agevolazioni fiscali. Ad esempio, dal 46% in su di invalidità è possibile ottenere l’iscrizione nelle liste speciali dei Centri per l’Impiego finalizzata alle assunzioni agevolate; fino al 73% è possibile ricevere assistenza sanitaria più ulteriori agevolazioni fiscali. Dal 66% di invalidità accertata si può ottenere l’esenzione dal pagamento del ticket sanitario. Per godere di tali benefici sarà necessario essere visitati da apposita commissione medica, che accerterà lo stato di invalidità e la sua relativa percentuale.

Per quanto riguarda le agevolazioni fiscali si va dalle detrazioni Irpef e Iva sull’acquisto di veicoli e strumenti informatici. Sotto l’aspetto professionale si avrà diritto a 3 giorni di permesso retribuito al mese, congedo straordinario e possibilità di scegliere la sede di lavoro. Se l’invalidità è riconosciuta al 100% e viene dunque meno la capacità di essere autosufficienti, si avrà diritto anche all’ottenimento dell’indennità di accompagnamento.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

Bitcoin

Bitcoin

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Termometro delle Voluttà

Solidarietà al popolo ungherese

articolo scritto da: