09/10/2018

Legge di bilancio, sgravi IRES per chi assume e non inquina

autore: Giovanni De Mizio
Legge di bilancio sgravi IRES per chi assume e non inquina

Legge di bilancio, sgravi IRES per chi assume e non inquina.

Taglio Ires per aziende no flat tax 2019: le novità


La legge di bilancio non dovrebbe dimenticare le imprese che saranno escluse dalla “flat tax” (che non è una flat tax perché ha due aliquote). Per le aziende si pensa ad un taglio dell’IRES, l’imposta sul reddito delle società, ma non sarà per tutti. Il governo, nonostante le forti critiche delle opposizioni, ha piani ben precisi, almeno in teoria: le aziende che vorranno beneficiare del taglio dovranno investire su sé stesse e sul miglioramento del loro impatto ambientale.

LEGGI ANCHE: Deficit ridotto nel 2020 e 2021, hanno vinto i mercati?

Legge di bilancio: un taglio di nove punti per l’IRES

L’aliquota per alcune aziende sarebbe la stessa delle partite IVA più piccole. L’IRES, quindi, scenderebbe dal 24% attuale al 15%. Come detto, però, ci saranno alcune condizioni da rispettare.

Il governo vuole che le aziende crescano e assumano persone, in particolare giovani. Per questa ragione il taglio dell’IRES dovrebbe essere riservato alle aziende meno grandi che acquistano beni strumentali e assumano giovani, in particolare con contratti di lavoro stabili.

Secondo i progetti del ministro del lavoro Luigi Di Maio il taglio dell’IRES dovrebbe essere più generoso quanto più saranno stabili i contratti di lavoro.

LEGGI ANCHE: Detrazioni spese mediche 2019, le ultime notizie

Legge di bilancio: c’è anche l’IRES verde

Il governo pensa di introdurre l’IRES verde nella prossima legge di bilancio. Nella nota di aggiornamento al DEF si legge anche che fra i disegni che completeranno la legge di bilancio ce ne sarà anche uno “recante l’introduzione di misure fiscali agevolate per le società che riducono le emissioni inquinanti”.

In questo caso, però, non ci sono dettagli relativi alla sua implementazione. Una delle difficoltà potrebbe essere come compensare le aziende che già hanno investito in interventi ecologici e che quindi non saranno beneficiarie di questo nuovo sgravio.

LEGGI ANCHE: Perché il deficit di bilancio al 2,4% non è incostituzionale

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Autore: Giovanni De Mizio

Fin da tenera età interessato a politica, economia e finanza, oggi me ne occupo usando la scienza dei dati. Economista laureato in Business Administration and Management presso l’Università Luigi Bocconi di Milano, in passato sono stato managing editor presso IBTimes Italia (gruppo Newsweek). Oggi sviluppo software, anche come responsabile dell'area tecnica di Termometro Politico. Su Twitter sono ToobyTweet.
Tutti gli articoli di Giovanni De Mizio →