pubblicato: giovedì, 11 ottobre, 2018

articolo scritto da:

Calciomercato Milan: dal Flamengo arriva Paquetà

calciomercato milan paquetà arriva a gennaio, calciomercato milan 2019

Calciomercato Milan: dal Flamengo arriva Paquetà

Comincia col botto  la sessione invernale del Calciomercato Milan:  Lucas Paquetà, 21 anni, talento brasiliano e centrocampista del Flamengo, a Gennaio sarà un giocatore rossonero. 

Il DG Leonardo, con una trattativa lampo in Brasile nella notte tra Martedì e Mercoledì, è riuscito a trovare l’accordo con la dirigenza della squadra di Rio de Janeiro.

Battuta la concorrenza di PSG e Barcellona.

Al Flamengo andranno 35 milioni di euro più bonus, in modo tale da coprire quasi per intero l’intera cifra del cartellino (50 milioni).

Paquetà firmerà un contratto che lo legherà al Milan per i prossimi cinque anni.

Il giocatore, secondo il quotidiano sportivo  Globoesporte, avrebbe già sostenuto le visite mediche in una clinica in Brasile, alla presenza di due medici facenti parte dello staff sanitario rossonero.

Paquetà avrebbe scelto il Milan per le maggiori possibilità di trovare spazio tra i titolari, spazio che non avrebbe trovato facilmente al PSG o al Barcellona.

Gattuso è già pronto ad accogliere il primo colpo del mercato invernale del Milan. Si tratta di un rinforzo importante che va ad accrescere la già elevata qualità del reparto offensivo della squadra rossonera.

Calciomercato Milan: il profilo di Lucas Paquetà

Il suo nome per esteso è Lucas Tolentino Coelho de Lima, ma è noto semplicemente come Lucas Paquetà perché è nato nell’omonima isola della baia di Guanabara, di fronte Rio de Janeiro, il 27 Agosto 1997.

Già fin da piccolo mostra un enorme talento con il pallone tra i piedi, ma è troppo basso di statura e ha un fisico esile.

Nell’Under-15 del Flamengo, Paquetà viene spesso relegato in panchina, a causa della bassa statura (153 cm), del peso sotto la media e di un problema alle ossa, non potendo così mostrare le sue potenzialità.

I suoi genitori, però, credono in lui a tal punto che arrivano a spendere cifre enormi per fargli seguire dei trattamenti medici a base di integratori alimentari. In questo modo  cresce di ben 27 centimetri in 3 anni.

Riesce a ritagliarsi a 18 anni un posto da titolare nella squadra Under-20 del Mengão.

Le sue qualità sono così evidenti che nel Maggio 2017, l’allenatore Muricy Ramalho, lo fa esordire in prima squadra.

In poco più di un anno e mezzo, Paquetà diventa titolare inamovibile della squadra carioca e riesce a ottenere le prime convocazioni con la seleçao.

Questo grazie anche alla sua duttilità tattica: può giocare come mediano, come esterno di centrocampo, ma anche come trequartista e come ala.

Disputa 66 partite con la squadra di Rio tra Campionato, Copa Libertadores e Copa Sudamericana, segnando 14 reti (12 in campionato e 2 in Copa Sudamericana) e fornendo 6 assist.

In Brasile lo paragonano già a Neymar e Kakà, il suo idolo invece è Andres Iniesta.

Grazie a questi numeri e a questi illustri paragoni, il brasiliano viene notato dalle big del calcio europeo.

Con l’approdo al Milan Paquetà avrà l’occasione per mettersi ancora di più in luce e aiutare i compagni a raggiungere la qualificazione in Champions League, che manca ormai da ben quattro anni.

Calciomercato Milan: da Arnoni e Gabardo a Paquetà, tutti i brasiliani rossoneri

Dal 1935 a oggi, sono 34 i giocatori brasiliani ad avere indossato la maglia del Milan. Paquetà sarà il 35esimo e, sicuramente, vorrà seguire le orme dei connazionali che hanno fatto la storia del club di via Aldo Rossi.

Vincente Arnoni ed Eliseo Gabardo sono i primi brasiliani a vestire la maglia rossonera, senza però ottenere successi.

Nel  1958  viene acquistato José Joao Altafini, tutt’ora  quarto miglior marcatore della storia del Milan con 161 centri (dietro solo a Nordhal, Shevchenko e Rivera). Nel 1963 nella  rosa del Milan ci sono  gli attaccanti Germano e Delvecchio  e il centrocampista Dino Sani, autore di 3 ottime stagioni al Milan (dal 1961 al 1964).

Gli ultimi brasiliani prima della chiusura delle frontiere sono altri due attaccanti: Amarildo ( dal 1963 al 1967) e Sormani ( dal 1965 al 1970). Dopo ben 27 anni, nel 1997 approdano al Milan il difensore Andrè Cruz e l’attaccante Leonardo. Solamente  il secondo  diverrà una bandiera rossonera, prima da giocatore e successivamente da dirigente e allenatore.

Serie A 2018/2019: il focus sulle 20 squadre, la pagina interattiva

Calciomercato milan: l’età dell’oro dei carioca all’ombra del Duomo

Tra la fine degli anni ’90 e i primi anni 2000 arrivano a Milano il portiere Dida, protagonista nella finale di Manchester contro la Juve del 2003,  i modesti difensori Roque Junior e Julio Cesar, i terzini SerginhoCafu, grandi protagonisti del Milan di Ancelotti, e Rivaldo, attaccante, colpo del calciomercato estivo del 2002.

Nel 2003 è la volta di Ricardo Izecson Dos Santos Leite, meglio conosciuto come Kakà, il quale scriverà pagine indelebili della storia milanista e, nel 2007, vincerà  Champions League e Pallone D’oro. Gli ultimi brasiliani degni di nota che hanno vestito la maglia del Milan sono stati Ronaldo, Pato, Ronaldinho, Robinho e Thiago Silva.

Dopo l’addio di quest’ultimo nel 2012, sono stati l’attaccante Luiz Adriano, i difensori Alex e Rodrigo Ely e il portiere Gabriel a indossare la casacca rossonera, senza però conquistare il cuore dei tifosi milanisti.

Quegli stessi tifosi che sperano adesso che  Paquetà, 35esimo brasiliano giunto a Milanopossa dare spettacolo e ripetere le gesta di Kakà.

Le premesse ci sono, ora toccherà al giovane talento dimostrare tutto il suo valore.

SEGUI IL TERMOMETRO SPORTIVO ANCHE SU FACEBOOKTWITTER E TELEGRAM

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

 

 

 

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

Bitcoin

Bitcoin

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Termometro delle Voluttà

La mano scorticata

articolo scritto da: