Pubblicato il 22/10/2018

Carlo Valloni: morto il tifoso della Lazio a Parma, la causa della morte

autore: Daniele Sforza
Carlo Valloni tifoso Lazio causa morte

Carlo Valloni: morto il tifoso della Lazio a Parma, la causa della morte.

È morto il tifoso della Lazio Carlo Valloni, accasciatosi a terra a Parma poco dopo la fine della partita tra i ducali e i biancocelesti, vinta da questi ultimi per 2 a 0. Valloni aveva 53 anni: la disgrazia è avvenuta verso le 17 circa, poco dopo il fischio finale del match.

L’uomo stava camminando per strada, quando improvvisamente si è sentito meno ed è caduto, sbattendo la testa.

Parma-Lazio 0-2: video gol e risultato finale

Carlo Valloni: causa della morte del tifoso della Lazio

Il corpo di Carlo Valloni è stato trovato da dei passanti nel cortile del Seminario minore, in via Solferino. Secondo le prime ricostruzioni, l’uomo avrebbe avuto un malore improvviso. Dalle prime rilevazioni è emersa una ferita sulla testa, ma quest’ultima è stata con ogni probabilità causata dalla caduta improvvisa dell’uomo a terra.

Stando alle prime voci Carlo Valloni stava per raggiungere la stazione per tornare a Roma. Tuttavia, come riporta La Gazzetta di Parma, l’uomo stava tornando da una sua amica che viveva a Parma e dalla quale aveva pranzato prima di andare a vedere la partita.

LA PAGINA TERMOMETRO QUOTIDIANO A QUESTO LINK

Morte Carlo Valloni: il cordoglio della Lazio

Intanto la Lazio ha espresso ufficialmente il suo cordoglio, abbracciando la famiglia e i cari del tifoso. “La SS Lazio, il suo Presidente, l’allenatore, i giocatori e tutto lo staff esprimono profondo cordoglio per la scomparsa di Carlo Valloni e si uniscono al dolore della famiglia”.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Autore: Daniele Sforza

Romano, classe 1985. Dal 2006 scrivo per riviste, per poi orientarmi sulla redazione di testi pubblicitari per siti aziendali. Quindi lavoro come redattore SEO per alcune testate online, specializzandomi in temi quali lavoro, previdenza e attualità.
Tutti gli articoli di Daniele Sforza →