Macedonia, l’incantesimo spezzato. Scontri tra macedoni e albanesi, sale la tensione e l’Europa sta a guardare

Pubblicato il 23 Aprile 2012 alle 16:00 Autore: EaST Journal

Il sedicente “Esercito per la liberazione dei paesi albanesi occupati”, un’organizzazione finora sconosciuta, ha minacciato  di attaccare postazioni militari e della polizia in Macedonia. Tale ultimatum al governo macedone è stato pubblicato sul quotidiano di Skopje, Dnevnik, e testimonia l’alto livello di tensione che si respira nel Paese.

Dettaglio della čaršija, il centro ottomano di Skopje – foto di Alan Grant

Nella notte tra il 16 e il 17 aprile un migliaio di giovani, molti dei quali minorenni, hanno inscenato una manifestazione, sfociata in scontri con la polizia, per protestare contro l’uccisione nei giorni scorsi di cinque persone di etnia macedone nei pressi della capitale. Due poliziotti e tre civili feriti, dieci manifestanti arrestati, ingenti danni materiali al palazzo del governo macedone: questo è il bilancio reso noto dal ministero dell’Interno

La miccia

Già nelle scorse settimane abbiamo parlato del crescente livello di conflittualità fra le due comunità, quella albanese (circa il 25% della popolazione) e quella slava. La miccia della violenza è stata accesa nel novembre 2011, quando un poliziotto macedone fuori servizio uccise, per questioni poi rivelatisi personali e non etniche, due concittadini di origine albanese. La tensione si è trasformata in violenza disorganizzata e sporadica raggiungendo, nel marzo scorso, un primo livello di guardia. Hanno cominciato così a registrarsi scontri per le strade in un Paese che nel 2001 ha conosciuto una breve parentesi di guerra civile in seguito alla quale la comunità albanese ha ottenuto maggiori diritti. Gli accordi di Ohrid (Ocrida) promossero una maggiore integrazione sociale.

Il massacro di Pasqua

L’incapacità di intervenire da parte del governo ha peggiorato la situazione. Venerdì 13 aprile, nel clima festoso della pasqua ortodossa, cinque cadaveri sono stati rinvenuti nei pressi del villaggio di Radisani, a nord della capitale Skopje, tra gli arbusti che circondano un lago artificiale. L’impatto emotivo della vicenda è stato enorme, anche a causa della giovane età delle vittime. Quattro ragazzi, tra i 18 e i 20 anni, tutti slavi, più una persona di 45 anni che secondo le indiscrezioni della stampa locale potrebbe essere stato un testimone oculare dell’eccidio eliminato dagli assassini.

Ma chi sono gli assassini? Per la popolazione di Radisani, sobborgo della capitale, la risposta è una sola: gli albanesi. Appresa la notizia da un giornale locale, circa un centinaio di giovani compaesani dei ragazzi bloccava alcune strade secondarie e l’autostrada. Manifestazioni con slogan contro la minoranza albanese sono avvenute poi anche a Skopje.

(per continuare la lettura cliccare su “2”)

L'autore: EaST Journal

East Journal è un progetto di giornalismo partecipativo che nasce dal basso, fatto da giovani e senza fini di lucro. East Journal è una testata registrata presso il Tribunale di Torino, n° 4351/11, del 27 giugno 2011. I contenuti sono condivisi con Termometro Politico grazie alla partnership nata da marzo 2012 tra le due testate giornalistiche. Il nostro obiettivo è quello di raccontare la “nuova” Europa, quella dell’est, che rappresenta il cuore antico del vecchio continente. La cultura e la storia ci insegnano la comune appartenenza. L’europeismo critico è dunque una nostra vocazione. Tra i nostri temi più cari figurano poi la tutela delle minoranze, l’analisi dell’estremismo di destra, la geopolitica energetica, il monitoraggio del crimine organizzato transnazionale.
    Tutti gli articoli di EaST Journal →