pubblicato martedì, 15 Gennaio 2019

articolo scritto da

Assegno sociale Inps 2019: importo, requisiti single e coniugati

Assegno sociale Inps 2019 importo, requisiti single e coniugati
Assegno sociale Inps 2019: importo, requisiti single e coniugati

Requisiti assegno sociale per single o coniugati


Come funziona l’ assegno sociale? Proveremo con questo articolo a chiarire alcuni punti spiegando di cosa si tratta ma non solo. Vedremo infatti quali sono gli importi, nonché i requisiti di accesso. Quali differenze ci sono tra single e coniugati e quali sono le categorie di persone che possono accedere alla misura. L’ assegno sociale è una prestazione economica, erogata a domanda, dedicata ai cittadini italiani e stranieri in condizioni economiche disagiate e con redditi inferiori alle soglie previste annualmente dalla legge. Dal 1° gennaio 1996, l’ assegno sociale ha sostituito la pensione sociale. La domanda è da presentare all’ Inps.


Assegno sociale Inps 2019, a chi spetta con importi e requisiti reddito

Come è possibile leggere proprio sul sito dell’ Istituto Nazionale di Previdenza Sociale l’ assegno sociale è rivolto ai cittadini italiani, agli stranieri comunitari iscritti all’ anagrafe del comune di residenza e ai cittadini extracomunitari/rifugiati/titolari di protezione sussidiaria con permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo. I beneficiari devono percepire un reddito al di sotto delle soglie stabilite annualmente dalla legge (e i dati vengono aggiornati di anno di anno). Il pagamento dell’ assegno inizia dal primo giorno del mese successivo alla presentazione della domanda. Inoltre, il beneficio ha carattere provvisorio e la verifica del possesso dei requisiti reddituali e di effettiva residenza avviene annualmente.

Una delle informazioni più ricercate riguarda l’ importo e le soglie di reddito entro le quali si ha diritto all’ assegno sociale. L’importo dell’assegno è pari a 453 euro. Importantissimo sottolineare che vanno conteggiate 13 mensilità.

Per l’ anno in corso, ovvero il 2018, il limite di reddito è pari a 5.889 euro annui e 11.778 euro, se il soggetto è coniugato. A breve potrebbero essere noti i nuovi riferimenti reddituali.

Hanno diritto all’ assegno in misura intera i soggetti non coniugati che non possiedono alcun reddito e i soggetti coniugati che hanno un reddito familiare inferiore al totale annuo dell’ assegno. E hanno diritto all’ assegno in misura ridotta i soggetti non coniugati che hanno un reddito inferiore all’ importo annuo dell’ assegno e i soggetti coniugati che hanno un reddito familiare compreso tra l’ ammontare annuo dell’ assegno e il doppio dell’ importo annuo dell’ assegno. L’ assegno non è soggetto alle trattenute IRPEF.

Assegno sociale Inps 2019, requisiti anagrafici e altre info utili

C’è anche la possibilità che l’ erogazione dell’ assegno sia sospesa. Accade o può accadere nel caso in cui il titolare soggiorni all’ estero per più di 30 giorni. Dopo un anno dalla sospensione, la prestazione è revocata. L’ assegno sociale è provvisorio e il possesso dei requisiti di reddito e di effettiva residenza sono verificati ogni anno. Non è reversibile ai familiari superstiti ed è in più è inesportabile, quindi non può essere erogato all’ estero.

I requisiti anagrafici sono i seguenti: 1° gennaio 2018, per ottenere l’ assegno, e sino al 31 dicembre 2018 tutti i cittadini italiani e stranieri devono soddisfare i seguenti requisiti: 66 anni e 7 mesi di età; stato di bisogno economico; cittadinanza italiana; residenza effettiva, stabile e continuativa per almeno dieci anni nel territorio nazionale. Inoltre, i cittadini stranieri comunitari devono essere iscritti all’ anagrafe del comune di residenza e i cittadini extracomunitari devono essere titolari del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo. Il diritto alla prestazione è accertato in base al reddito personale per i cittadini non coniugati e in base al cumulo del reddito del coniuge per i cittadini coniugati. Per l’ attribuzione si considerano i redditi del coniuge e del richiedente.

Per quanto riguarda i requisiti anagrafici la legislazione vigente prevede che per effetto dell’ aspettativa di vita il termine dei 66 anni e 7 mesi sia soggetto ad un aumento di altri 5 mesi. Perciò dal 2019, al netto di modifiche da parte dell’ esecutivo in carica, si avrà diritto alla pensione sociale a partire dai 67 anni.

Infine sempre a proposito di possibile modifiche l’ introduzione della pensione di cittadinanza potrebbe variare l’ assegno della pensione sociale. Se ciò fosse confermato tutti gli assegni sarebbero incrementati sino a raggiungere la soglia fissata di 780 euro.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

articolo scritto da: