Pubblicato il 13/12/2018 Ultimo aggiornamento: 14 Dicembre 2018 alle 17:17

Sondaggi elettorali Noto: Renzi battuto da Zingaretti se si fosse candidato

autore: Andrea Turco
sondaggi elettorali, sondaggi politici, Renzi Mediaset puntata di prova al via le anticipazioni del programma
Sondaggi elettorali Noto: Renzi battuto da Zingaretti se si fosse candidato

Se Matteo Renzi si fosse presentato per la terza volta candidato alla segreteria Pd sarebbe andato probabilmente incontro ad una sonora sconfitta. A sostenerlo è un sondaggio Noto per Quotidiano Nazionale secondo cui l’ex premier, a votazione concluse, avrebbe ottenuto il 31% dei consensi.

Dieci punti in meno rispetto a Nicola Zingaretti che avrebbe trionfato con il 41% dei voti. Non solo. Appollaiato dietro Renzi, a soli 3 punti di distanza, si sarebbe posizionato l’ex segretario Maurizio Martina che in questa corsa riceve il sostegno della maggioranza renziana. Ovviamente questo scenario non si realizzerà in quanto ieri allo scoccare delle 18 sono scaduti i tempi per la presentazione delle candidature e le firme necessarie al loro sostegno. Ebbene, alla fine, salvo ricorsi dell’ultima ora, i candidati alla segreteria sono sei: Nicola Zingaretti, Maurizio Martina, Francesco Boccia, Dario Corallo, Maria Saladino e il ticket composto da Anna Ascani – Roberto Giachetti.

Intanto i candidati cominciano a studiare terreno ed alleanze. Il governatore del Lazio, indicato dai sondaggi come il favorito per la vittoria finale, promette un radicale cambiamento: “Non prendiamoci in giro, dobbiamo cambiare tutto e aprire una nuova fase di rapporto con la società italiana. Per riconquistare la fiducia bisogna avere idee nuove e rinnovare un gruppo dirigente segnato dalla storia di questi anni. Io da parte mia ce la metterò tutta, con passione, con coraggio. Bisogna salvare il partito per salvare l’Italia”.

A contendergli la vittoria ci sarà in prima fila Martina. L’ex segretario ha mosso i primi passi per assicurarsi il sostegno della maggior parte della truppa renziana ed evitare una scissione che rimane nell’aria. “Adesso è il momento di unire e di aprire il Pd. Dobbiamo costruire tutti insieme questa proposta per l’alternativa alla destra. Credo in un congresso partecipato, aperto e sulle idee – afferma Martina che conclude – Rompiamo gli schemi del passato e costruiamo le ragioni della nostra nuova appartenenza”. Renzi permettendo.

Sondaggi elettorali Noto: nota metodologica

Rilevazione effettuata tra il 7 e l’8 dicembre. Metodo di rilevazione: sondaggio online (CAWI) su un campione rappresentativo di 1000 casi.

PAGINA SPECIALE SULLE ELEZIONI POLITICHE A QUESTO LINK

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Autore: Andrea Turco

Classe 1986, dopo alcune esperienze presso le redazioni di Radio Italia, Libero Quotidiano e OmniMilano approda a Termometro Politico.. Dal gennaio 2014 collabora con il portale d'informazione Smartweek. Su Twitter è @andreaturcomi
Tutti gli articoli di Andrea Turco →