02/05/2019

Dieta detox juice plus per dimagrire in 10 giorni: come funziona e consigli

autore: Guglielmo Sano
Dieta detox juice plus per dimagrire in 10 giorni: come funziona e consigli
Dieta detox juice plus per dimagrire in 10 giorni: come funziona e consigli

Come funziona la dieta detox


Dopo gli “sgarri” alimentari delle feste è corsa ai rimedi per la linea. D’altra parte, bisogna stare molto attenti alle soluzioni “miracolose” quando si parla di diete dimagranti. Tra l’altro, ritornare a uno stile di vita sano – corretta alimentazione e attività fisica – molto spesso può bastare a recuperare la forma migliore. Insomma, non è importante come e quanto si mangia da Natale all’Epifania ma come e quanto si mangia dall’Epifania a Natale.

Dieta detox: solo moda o funziona davvero?

Le cosiddette diete “detox” hanno preso piede tempo fa, all’incirca nei primi anni ’90, contestualmente al lancio sul mercato di alcuni prodotti dietetici (come quelli Juice Plus). Come per qualsiasi aspetto della vita, anche nelle diete e, soprattutto, in quelle dimagranti, è fondamentale la gradualità.

Dopo le abbuffate natalizie sarà molto difficile cominciare di netto con una dieta detox. Infatti, l’apporto calorico all’inizio sarà molto basso – comportando anche un calo dell’umore e delle energie – per poi aumentare dopo due settimane.

È chiaro che già dopo i primi 10 giorni si potrebbe riscontrare un calo ponderale anche consistente ma sarebbe meglio una dieta equilibrata e risultati di certo più stabili nel medio-lungo termine.

Dieta detox: come funziona?

Forniti tutti i necessari avvertimenti, una delle diete “detox” più interessanti è quella proposta dal medico Mark Hyman nel suo “La dieta dell’equilibrio glicemico”. Oltre a un dimagrimento rapidissimo (5 chili in 10 giorni), il regime alimentare proposto promette un miglioramento della salute generale, cioè più energia, umore e sonno migliori, ma anche la riduzione di dolori articolari cronici, mal di testa, disturbi dermatologici, problemi digestivi.

In sostanza, la dieta di Hyman impone lo stop a zuccheri, sale, caffè, alcool e glutammato e, in parallelo, il consumo di frutta e verdura (senza amidi) e altri ingredienti naturali (compresi oli e semi vegetali), spezie disintossicanti (timo, curcuma, pepe di Cayenna). I pasti “tipo” assomigliano molto a quelli di un qualsiasi regime alimentare “sano”.

Tre i pasti: si comincia a colazione con un frullato (di frutta anche secca, semi, verdure come il cetriolo, si può aggiungere lo zenzero). A pranzo, zuppa di verdure (senza amidi) con pollo o salmone, o verdure (senza amidi) con pollo, tacchino o salmone; a cena lo stesso: salmone o pollo con verdure. Esistono anche versioni per vegetariani o vegani in cui al posto delle carni ci sono tofu e tempeh.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Autore: Guglielmo Sano

Nato nel 1989 a Palermo, si laurea in Filosofia della conoscenza e della comunicazione per poi proseguire i suoi studi in Scienze filosofiche a Bologna. Giornalista pubblicista dal 2018 (Odg Sicilia), si occupa principalmente di politica e attualità. Cura la sezione esteri per Termometro Politico
Tutti gli articoli di Guglielmo Sano →