17/04/2019

Bollette luce, gas e acqua in ritardo: Agcom vieta la data di invio in bolletta

autore: Daniele Sforza
Bollette luce, gas e acqua in ritardo
Bollette luce, gas e acqua in ritardo: Agcom vieta la data di invio in bolletta

Data invio della bolletta


Bollette luce, gas o acqua arrivano in ritardo? Per questo motivo il consumatore è tenuto a pagare di più visti gli interessi moratori per i pagamenti non puntuali? Sarebbe stato più semplice inviare una data di spedizione sulla busta della bolletta, in modo tale da valutare l’effettiva responsabilità e tutelare i consumatori? A quanto pare questo, originariamente in previsione la soluzione più semplice, non si può fare. La causa? Gli alti costi per gli operatori postali.

Bollette luce, gas e acqua in ritardo: cosa dice l’AgCom

Nell’Allegato A alla delibera n. 398/18/CONS e rispondendo a quanto previsto dalla Legge di Bilancio 2018, l’Autorità riteneva come soluzione maggiormente preferibile quella dell’apposizione “da parte dell’operatore postale della data di spedizione sulla busta contenente la bolletta/fattura nel momento in cui riceve la corrispondenza da inviare al recapito”. L’Agcom definiva questa soluzione come la sola in grado di fornire “la certezza della data di spedizione consentendo quindi all’utente finale di individuare più facilmente le responsabilità di eventuali ritardi nel recapito delle bollette”.

Nello stesso testo, tuttavia, si faceva già riferimento a “un aggravio in termini di investimenti e costi operativi per gli operatori postali” comportato da tale soluzione. Ebbene, questo inciso è stato ritenuto altamente significativo, tale da determinare un ripensamento su questa soluzione.

Bollette luce, gas e acqua in ritardo: le nuove disposizioni

Il nuovo metodo è tuttavia meno semplice per i consumatori. Come riporta Il Salvagente, infatti, in caso di ricezione di una bolletta con interessi di mora per ritardato pagamento causato dalla consegna tardiva della bolletta precedente, il contribuente potrà sporgere reclamo alla società postale responsabile dell’invio. Quest’ultima sarà tenuta a fornire informazioni dettagliate sull’invio della bolletta, tramite una “chiara rappresentazione cronologica delle operazioni che si concludono con il recapito” della stessa. Tali informazioni dovranno essere inoltrate anche alla società della luce, gas o acqua che ha emesso la bolletta.

Bollette luce, gas e acqua in ritardo: come tutelarsi

Spesso le società di luce, gas e acqua invitano i propri clienti a optare per altri canali di trasmissione della bolletta, offrendo in cambio sconti e altri tipi di agevolazioni, come la rimozione del deposito cauzionale. I modi più comuni sono quelli della bolletta digitale, che arriva per e-mail il giorno stesso dell’emissione, e la domiciliazione bancaria. Con quest’ultima modalità, l’importo da pagare sarà prelevato direttamente entro la scadenza.

A volte, a questi canali di trasmissione della bolletta, si è più restii perché può risultare più complessa la contestazione della stessa in caso di evidenti errori. In ogni caso, su ogni sito della compagnia di riferimento, si ha la possibilità di consultare le informazioni dettagliate su come sporgere un reclamo per una bolletta con errori.

SEGUI IL NUOVO TERMOMETRO QUOTIDIANO A QUESTO LINK.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Hai suggerimenti o correzioni da proporre? Scrivici a [email protected]

Autore: Daniele Sforza

Romano, classe 1985. Dal 2006 scrivo per riviste, per poi orientarmi sulla redazione di testi pubblicitari per siti aziendali. Quindi lavoro come redattore SEO per alcune testate online, specializzandomi in temi quali lavoro, previdenza e attualità.
Tutti gli articoli di Daniele Sforza →