Wikipedia oscurata in Italia: per quanto tempo e protesta. I motivi

Pubblicato il 25 Marzo 2019 alle 10:03 Autore: Daniele Sforza

Wikipedia oscurata in Italia: provando ad aprire una qualsiasi pagina dell’enciclopedia virtuale, una pagina in nero con un messaggio. Ecco le cause.

Wikipedia oscurata in Italia: le cause
Wikipedia oscurata in Italia: per quanto tempo e protesta. I motivi

Aprendo una qualsiasi pagina Wikipedia, dopo un breve caricamento delle informazioni che cerchiamo e della ricerca richiesta, ci troviamo di fronte a una pagina in nero, con un messaggio a tutti i lettori dell’enciclopedia virtuale. Una pagina quasi “a lutto”, per una motivazione che ha spinto all’oscuramento di tutte le pagine del portale. Oggi non sarà quindi possibile fare alcuna ricerca su Wikipedia, ma fino a quanto tempo durerà il blackout?

Wikipedia oscurata in Italia: per quanto tempo?

Wikipedia sarà oscurata in Italia fino alle ore 8 di martedì 26 marzo 2019. Una giornata di oscuramento che non è solo esclusiva del nostro Paese, visto che anche in altri Stati europei è stata adottata tale scelta, lo scorso 21 marzo (anche in Italia). Pertanto, per tutta la giornata di lunedì 25 marzo e fino alle 8 del giorno seguente, ogni pagina Wikipedia sarà oscurata e includerà un messaggio nel quale si indicano i motivi di questa singolare protesta.

Wikipedia oscurata in Italia: le cause

L’oscuramento delle pagine Wikipedia fino al 26 marzo ha ovviamente un valore simbolico. Tale decisione è stata infatti presa per protestare contro la riforma europea del copyright, in via di approvazione proprio martedì 26 marzo dal Parlamento europeo.

Wikipedia oscurata in Italia: “Aiutaci a salvare il diritto d’autore in Europa”

Ecco il messaggio che appare su ogni pagina di Wikipedia al posto della voce enciclopedica. “Questa può essere la nostra ultima opportunità. Aiutaci a salvare il diritto d’autore in Europa”, è il titolo che campeggia in bell’evidenza. Quindi il comunicato prosegue letteralmente in questo modo.

Wikipedia oscurata in Italia: il messaggio

Il 26 marzo il Parlamento europeo voterà su una nuova direttiva sul diritto d’autore. La direttiva imporrà ulteriori oneri di licenza ai siti web che raccolgono e organizzano le notizie (articolo 11), e forzerà le piattaforme a scansionare tutti i materiali caricati dagli utenti e bloccare automaticamente quelli contenenti elementi potenzialmente sottoposti a diritti d’autore (articolo 13). Entrambi questi articoli rischiano di colpire in modo rilevante la libertà di espressione e la partecipazione online.

“Nonostante Wikipedia non sia direttamente toccata da queste norme, il nostro progetto è parte integrante dell’ecosistema di internet. Gli articoli 11 e 13 indebolirebbero il web e indebolirebbero Wikipedia. Il voto è imminente. Per favore, dedica due minuti del tuo tempo a contattare un tuo rappresentante nel Parlamento europeo e dirgli che non sei disposto ad appoggiare una riforma che contiene l’articolo 11 e l’articolo 13”.

Wikipedia oscurata in Italia: come contattare gli eurodeputati

Alla fine del messaggio si può selezionare il pulsante “Contatta gli Eurodeputati”. Si sarà pertanto reindirizzati al sito del Parlamento europeo, nella pagina dedicata ai deputati. Nella colonna di destra sarà possibile “cercare il deputato” tra i 73 presenti per l’Italia, oppure semplicemente visualizzarne l’elenco completo. Cliccando su uno di essi sarà possibile contattarlo direttamente per e-mail o per altri canali.

Si precisa infine che l’approvazione della riforma non è ancora ufficiale né definitiva. Gli oppositori tenteranno di contrastarla in occasione dell’ultima votazione, prevista proprio per il 26 marzo.

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
redazione@termometropolitico.it

L'autore: Daniele Sforza

Romano, classe 1985. Dal 2006 scrivo per riviste, per poi orientarmi sulla redazione di testi pubblicitari per siti aziendali. Quindi lavoro come redattore SEO per alcune testate online, specializzandomi in temi quali lavoro, previdenza e attualità.
Tutti gli articoli di Daniele Sforza →