Calcolo sanzioni e interessi bollo auto: come fare senza caf-commercialista

Pubblicato il 2 Maggio 2019 alle 06:10 Autore: Daniele Sforza

Come si calcolano sanzioni e interessi per un bollo auto non pagato senza farsi aiutare da un Caf o da un commercialista? Andiamo a rispondere.

Calcolo sanzioni e interessi bollo auto
Calcolo sanzioni e interessi bollo auto: come fare senza caf-commercialista

Calcolo interessi bollo auto


Il bollo auto è una tassa che va pagata ogni anno, entro l’ultimo giorno del mese successivo a quello in cui il bollo è scaduto. Per fare un esempio pratico, se il bollo scade ad agosto, allora bisognerà pagarlo entro il 30 settembre. Il bollo auto non pagato entro questo termine fa scattare sanzioni pecuniarie che aumentano con il passare del tempo, se il debito non è risolto. In ogni caso, senza farsi aiutare da un Caf o da un commercialista, come calcolare le sanzioni e gli interessi derivanti dalla richiesta di pagamento di un bollo auto evaso?

Bollo auto non pagato: come calcolare le sanzioni

Andiamo a riepilogare le sanzioni previste per il mancato pagamento del bollo auto. Le maggiorazioni sull’imposta variano anche in base al trascorrere del tempo. Riassumiamo nella seguente tabella.

Giorni dalla scadenzaSanzione
Entro 14 giorni dalla scadenza0,1% dell’importo più gli interessi legali per ogni giorno di ritardo
Dal 15° al 30° giorno dalla scadenza1,50% + 0,2% degli interessi legali per ogni giorno di ritardo
Dal 31° al 90° giorno dalla scadenza1,67% + 0,2% degli interessi per ogni giorno di ritardo
Dal 91° giorno a 1 anno dalla scadenza3,75% + 0,2% degli interessi per ogni giorno di ritardo
Oltre 1 anno dalla scadenza30% + 1% di interessi per ogni semestre

Bollo auto non pagato: la procedura

Come si evince dalla tabella sopra riportata, il pagamento del bollo può essere effettuato anche in ritardo, pagando una maggiorazione ulteriore. Naturalmente, più ritardo si accumula, più ci sarà da pagare, soprattutto riguardo la sanzione pecuniaria e gli interessi legali, la cui spesa aumenta a ogni giorno di ritardo.

In ogni caso, dopo un anno dalla scadenza del bollo auto, la Regione manda al contribuente in debito un avviso bonario invitandolo a pagare l’imposta dovuta. Se il contribuente non regolarizza la propria posizione, allora avviene l’iscrizione a ruolo del debito con la comunicazione ufficiale all’Agenzia delle Entrate. Prima che intervenga la prescrizione, l’ente di riscossione invia una cartella di pagamento al contribuente, che dovrà essere risolta entro 60 giorni dalla sua ricezione. In caso contrario, la sanzione non sarà solo pecuniaria. La procedura potrebbe proseguire con il fermo amministrativo, il pignoramento del bene o la radiazione dal PRA.  

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
redazione@termometropolitico.it

L'autore: Daniele Sforza

Romano, classe 1985. Dal 2006 scrivo per riviste, per poi orientarmi sulla redazione di testi pubblicitari per siti aziendali. Quindi lavoro come redattore SEO per alcune testate online, specializzandomi in temi quali lavoro, previdenza e attualità.
Tutti gli articoli di Daniele Sforza →