Pubblicato il 09/04/2019

Napoli, le curve hanno deciso: “Stop al gemellaggio col Genoa”

autore: Stefano Schianca
Napoli, le curve hanno deciso Stop al gemellaggio col Genoa
Napoli, le curve hanno deciso: “Stop al gemellaggio col Genoa”

Il calcio, si sa, non smette di stupire, e talvolta anche le certezze che sembrano tra le più solide e stabili possono crollare. Senza un campanello d’allarme, non apparente quantomeno, da un momento all’altro.

È questa la premessa alla notizia del momento della tifoseria partenopea. All’indomani dell’incontro di campionato fra Napoli e Genoa i tifosi Azzurri hanno annunciato la fine dello storico gemellaggio coi tifosi del Grifone.

Napoli, stop allo storico gemellaggio

Finisce così uno storico rapporto d’amicizia fra le due squadre. Un rapporto che durava da più di 30 anni, figlio di un’amicizia fra le più solide e antiche fra squadre di calcio.

Il gemellaggio tra Napoli e Genoa trova le sue origini negli anni 70, in un contesto di epidemia in Campania del colera. In quelle condizioni nessuna squadra in quel precampionato volle affrontare in amichevole i partenopei. Nessuna tranne il Genoa, che si offrì come avversario azzurro per un test estivo. Nel 1982, poi, durante un Napoli-Genoa di campionato, Mario Faccenda pareggiò al 90esimo sotto la Curva B. Insieme a lui esultò non solo il settore del Grifo ma tutto il San Paolo, nel segno di un pareggio che valse la salvezza dei liguri quell’anno.

Da allora le due squadre sono state legate da un profondo legame d’amicizia, sfociato ben presto in un gemellaggio ufficiale. Fino a questi giorni, in cui qualcosa si è spezzato fra le due tifoserie.

Champions League 2019 in TV: diretta streaming e Rai-Sky, dove vederla

Gemellaggio Napoli-Genoa, il comunicato dei tifosi Azzurri

I tifosi partenopei hanno fatto trapelare la loro decisione con una nota ufficiale. Il comunicato spiega come siano state molteplici le cause che hanno portato a questa decisione, ribadendo come la rottura del gemellaggio tra i tifosi azzurri e quelli rossoblù riguardi solamente gli ultras.

Di seguito l’estratto della nota ufficiale dei tifosi Azzurri.

“Dopo mesi di lunghi e assordanti silenzi, un rapporto caratterizzato negli anni da colori intensi, sbiadisce in una monocromatica domenica di aprile; sarebbe lungo ed inutile annoverare tutte le cause che hanno portato alla fine il rapporto stesso mai curato nel tempo e affidato esclusivamente ad amicizie personali, longeve vero, ma non trasferite ad un livello di gruppi ultras così come converrebbe”.

“Tante sono le situazioni che nel tempo sono scivolate un po’ di mano, tra le tante questa improvvisa quanto persistente solidarietà verso una tifoseria che ci ha teso un vile agguato (tra l’altro riuscito male) senza nemmeno farsi carico di chiedere come stessero i ragazzi gemellati coinvolti negli scontri”.

“Non convidiamo questa linea di tendere mani ed abbracciare compagini ‘nemiche’ colpevoli di aver tolto la vita a dei nostri fratelli di viaggio”.

“Al di là di ogni singola perplessità, gli ultras di Napoli delle due curve comunicano ufficialmente rotto il vecchio rapporto con i genoani in piedi da anni; consci delle amicizie personali costruite da singole persone negli anni tra le due città, ribadiamo che la sopracitata decisione riguarda esclusivamente noi Ultras, non ricadendo mai su tutto il resto”.

“Con un grosso dispiacere nell’animo di ognuno di noi, il nostro essere fieri e coerenti ci ha imposto questa scelta oramai non più rimandabile”.

SEGUI IL TERMOMETRO SPORTIVO ANCHE SU FACEBOOKTWITTER E TELEGRAM

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM


Autore: Stefano Schianca

Stefano nasce il 19/11/1996 a Vigevano, vicino Milano. E' Studente di Scienze Politiche e delle Relazioni Internazionali presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore, a Milano. Sin da piccolo coltiva la grande passione per il giornalismo, in particolare quello sportivo, per il calcio e lo sport più in generale. Il suo sogno è quello di trasformare tutto ciò in un lavoro.
Tutti gli articoli di Stefano Schianca →