Playoff NBA 2019: il punto della situazione nella Eastern Conference

Pubblicato il 11 Maggio 2019 alle 15:24 Autore: Alessandro Guaschini

Playoff NBA 2019: Il punto della situazione nella Eastern Conference. Siamo arrivati verso la fine delle semifinali di Conference e le sfide sono…

Playoff NBA 2019: il punto della situazione nella Eastern Conference
Playoff NBA 2019: il punto della situazione nella Eastern Conference

Siamo arrivati verso la fine delle semifinali di Conference e le sfide sono davvero avvincenti. Su quattro partite, ben tre si prolungheranno a gara 7! L’unica serie “breve” è stata Milwaukee-Boston, dove la squadra del Wisconsin ha distrutto quella del Massachusetts per 4-1.

LEGGI ANCHE: Basket, Europe Cup 2019: Sassari trionfa in Coppa

NBA playoff 2019: Milwaukee annienta Boston

Come sopra citato, Milwaukee si è guadagnato la finale di conference battendo per 4-1 Boston. La squadra del Massachusetts aveva illuso tutti vincendo in Wisconsin gara 1, poi però capitolata, perdendo entrambe le partite casalinghe. La grande delusione è stata sicuramente Kyrie Irving, l’ex Cleveland è riuscito ad ottenere solo prestazioni opache, poco incidenti. L’anno scorso Boston, rovinata dagli infortuni, aveva disputato dei playoff splendidi, dove si sono fatti notare giocatori come Jaylen Brown, Terry Rozier e Jayson Tatum. Si pensava che in questa stagione i biancoverdi potessero fare un ulteriore salto di qualità con il rientro degli infortunati Irving e Hayward, ma così purtroppo non è stato.

L’ex Utah Jazz non si è ancora ripreso al meglio dopo un infortunio che l’ha tenuto fermo per più di un anno. Mentre Irving sembra avere la testa altrove – quest’estate sarà free agent – e le possibilità che rimanga a Boston sono davvero poche. Bisogna riconoscere però anche i meriti di Milwaukee, che dopo una regular season dove ha dominato, si sta confermando anche nella fase che conta. La stella greca Giannis Antetoukounmpo sta vivendo la stagione della consacrazione e si sta giocando insieme ad Harden il titolo di MVP dell’anno. Insieme a lui, però, sono cresciuti altri giocatori come Eric Bledsoe e Kris Middleton, poi alcuni innesti come George Hill e Nikola Mirotic si stanno rivelando vincenti.

NBA playoff 2019: Toronto e Phila, è gara 7!

Grazie alla vittoria in casa di giovedì notte Philadelphia è riuscita a prolungare la serie a gara 7, la quale si giocherà a Toronto. È una serie avvincente, con continui ribaltamenti. Quando i 76ers erano riusciti a vincere in trasferta a gara 2 si pensava che sarebbe passata Phila, invece i Raptors sono riusciti a riprendersi il vantaggio del campo vincendo gara 4 in Pennsylvania. Il giocatore della serie è sicuramente l’uomo il cui nome fa rima con Hawaii (cit. Flavio Tranquillo), ovvero Kawhi Leonard. L’ex San Antonio nei playoff sta viaggiando con una media di almeno 30 punti a partita e con percentuali al tiro magnifiche. Il leader dei Raptors però non è in cattiva compagnia è aiutato infatti da un signor play come Kyle Lowry. Inoltre sotto le plance ci sono Pascal Siakam, giovante talento che sta crescendo sempre di più, e l’esperto Marc Gasol. Dall’altra parte Philadelphia, la squadra dei giovani prodigi, sta stupendo tutti.

Alcuni se lo aspettavano, perché comunque il talento c’è sicuramente, e non poco. I dubbi però erano sulla loro esperienza, sulla loro incapacità di tenere il sangue freddo. In parte hanno dimostrato di avere questa mancanza. Infatti vincendo in trasferta avevano tolto il vantaggio del campo ai Raptors, ma in gara 4 Embiid e Simmons hanno deluso parecchio e non sono riusciti a vincere in casa. Sempre al top invece Jimmy Butler, lui ha sia talento che esperienza e sta facendo di tutto per aiutare i suoi a passare il turno. Vedremo chi la spunterà a Toronto domenica notte in gara 7.

SEGUI IL TERMOMETRO SPORTIVO ANCHE SU FACEBOOKTWITTER E TELEGRAM

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Hai suggerimenti o correzioni da proporre? Scrivici a redazione@termometropolitico.it

L'autore: Alessandro Guaschini

Nato a Voghera il 23 luglio 1996 ma residente a Vigevano, è laureato in Economia e Gestione Aziendale presso l'Università Cattolica di Milano. Scrive per il Termometro Politico dal 2018, in particolar modo si occupa di articoli sportivi che spaziano da basket a calcio, sia italiano che internazionale. E-mail: guasco96@gmail.com
    Tutti gli articoli di Alessandro Guaschini →