22/05/2019

Cosa studiare o ripetere per la seconda prova della maturità 2019

Esame di Stato 2018: nomi commissari esterni Maturità diretta live
Cosa studiare o ripetere per la seconda prova della maturità 2019

Come affrontare al meglio gli esami di Maturità 2019? Studiando, ovviamente. Ripassando il programma dell’anno scolastico, ma anche preparandosi in base alla prova specifica, magari riepilogando quanto fatto nelle simulazioni di febbraio e aprile. Si ricorda infatti che la seconda prova di Maturità ha carattere multidisciplinare e verterà dunque su due prove anziché una. Le materie per i rispettivi istituti scolastici sono già state comunicate e nel primo quadrimestre dell’anno sono state già effettuate le prime simulazioni per preparare al meglio gli studenti e dare loro una base sulla quale partire.

Seconda prova Maturità 2019: le materie per istituto

Innanzitutto riepiloghiamo quali sono le materie scelte per indirizzo scolastico.

  • Liceo classico: latino e greco (versione più 3 quesiti sulla comprensione e sull’interpretazione dei brani).
  • Scientifico: matematica e fisica, gli studenti dovranno scegliere 1 tra 2 problemi proposti e 4 tra gli 8 quesiti a disposizione.
  • Linguistico: Lingua e cultura straniera 1 e Lingua e cultura straniera 4. Si inizia con una prova di comprensione su due testi scritti basata su 15 domande (risposta aperta o chiusa); inoltre saranno richiesto due testi scritti (argomentativo e narrativo/descrittivo).
  • Scienze umane: gli studenti saranno chiamati a trattare un argomento antropologico, pedagogico o sociologico.
  • Musicale: gli studenti saranno testati sulle competenze analitiche e progettuali per poi passare direttamente alla prova pratica, dimostrando le conoscenze acquisite.
  • Coreutico: si inizierà con un’esibizione collettiva per poi lasciare spazio a una relazione scritta. Infine, si concluderà la prova con un’esibizione individuale.
  • Artistico: in base all’indirizzo di studio scelto.

Seconda prova Maturità 2019: come prepararsi al meglio e cosa studiare

Come scritto sopra gli studenti si dovranno preparare con attenzione su due materie di quelle citate, in base all’istituto e all’indirizzo di studio di frequentazione. Le prove verteranno sul programma di studio, pertanto, in occasione dell’esame, una ripassata generale dell’intero programma non può certo far male. Per prepararsi al meglio, conviene tuttavia organizzarsi, cercando di suddividere lo studio in blocchi ordinati.

Prendendo come esempio la simulazione della seconda prova di Maturità 2019 del Liceo Classico, qui viene proposta prima la traduzione di un brano in latino, con relativa descrizione inerente all’argomento, poi quella di un paragrafo in greco. Infine vengono proposte 3 domande che vertono su un confronto tra i due testi, l’ultima delle quali propone di redigere delle riflessioni personali. Sotto quest’aspetto risulta quindi preferibile studiare non solo un autore, ma anche il contesto storico nel quale viveva e (sommariamente) il suo lascito e gli eventi che possono riguardarlo, i punti in comune letterari tra autori greci e latini, le analogie e le differenze.

Naturalmente lo stesso impianto di preparazione (individuale o di gruppo) può essere eseguito anche per gli altri indirizzi scolastici prendendo come spunti le simulazioni di febbraio e aprile.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Hai suggerimenti o correzioni da proporre? Scrivici a [email protected]