22/06/2019

Sondaggi politici: fiducia nei magistrati ai minimi storici

autore: Guglielmo Sano
Sondaggi politici: fiducia nei magistrati ai minimi storici
Sondaggi politici: fiducia nei magistrati ai minimi storici

Sondaggi politici – Il tradizionale sondaggio del fine settimana che Ipsos realizza per il Corriere della Sera questa volta si occupa della fiducia degli italiani nella magistratura a seguito della vicenda Palamara-Csm.

Sondaggi politici: il dato più basso di sempre

In questo momento solo il 35%, in pratica, poco più di un italiano su 3, afferma di nutrire fiducia nella magistratura mentre il 55% del Paese sostiene di non averne affatto. Tuttavia, escludendo dal calcolo chi tra gli intervistati ha preferito non esprimere un giudizio, l’indice di fiducia tocca quota 39%. Da Ipsos quindi si rileva come sia il dato più basso di sempre: “In flessione di 8 punti rispetto allo scorso anno e di ben 30 rispetto al picco più elevato raggiunto nel 2011 quando, all’apice della crisi economica e politica che portarono all’avvento del governo tecnico di Mario Monti gli italiani, disillusi rispetto ai partiti, riponevano le loro speranze nelle istituzioni di garanzia”.

ultimi sondaggi, sondaggi politici elettorali, media sondaggi

Sondaggi politici, sfiducia diffusa tra gli elettori di tutti i partiti

La sfiducia nella magistratura sembra essere un dato trasversale: a parte l’elettorato Dem (il 61% di chi vota Pd è ancora fiducioso nell’istituzione), leghisti (26%), pentastellati (33%) e elettori di Forza Italia e Fratelli D’Italia (35%) condividono un forte malcontento.

Di certo ad influire in maniera preponderante sulla caduta a picco del consenso dei giudici è stata l’inchiesta sul Csm: “tra coloro che conoscono l’inchiesta (il 78%), la stragrande maggioranza (61%) ritiene si tratti di un vero e proprio scandalo che potrà minare l’onorabilità e la credibilità della magistratura mentre un’esigua minoranza (17%) tende a ridimensionare la portata della vicenda”.

“Si profila dunque il rischio assai serio di un danno reputazionale che investe l’intera magistratura compromettendo la sua credibilità” non può che sottolineare Nando Pagnoncelli, Ad di Ipsos, dalle colonne del quotidiano di Via Solferino. Inoltre, scrive sempre Pagnoncelli: “resta il dubbio che in futuro una qualsiasi inchiesta o sentenza che coinvolga uno o più politici possa essere screditata e considerata dall’opinione pubblica come una indebita competizione, finalizzata unicamente alla gestione del potere”.

Nota metodologica:

Vedi immagine

SEGUI IL NUOVO TERMOMETRO QUOTIDIANO A QUESTO LINK.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Hai suggerimenti o correzioni da proporre? Scrivici a [email protected]

Autore: Guglielmo Sano

Nato nel 1989 a Palermo, si laurea in Filosofia della conoscenza e della comunicazione per poi proseguire i suoi studi in Scienze filosofiche a Bologna. Giornalista pubblicista dal 2018 (Odg Sicilia), si occupa principalmente di politica e attualità. Cura la sezione esteri per Termometro Politico
Tutti gli articoli di Guglielmo Sano →