Pubblicato il 24/07/2019 Ultimo aggiornamento: 26 Luglio 2019 alle 17:08

Terremoto Pozzuoli oggi 24 luglio 2019: magnitudo e cos’è successo

autore: Giuseppe Spadaro
Terremoto Pozzuoli oggi 24 luglio 2019: magnitudo e cos'è successo
Terremoto Pozzuoli oggi 24 luglio 2019: magnitudo e cos’è successo

Terremoto Pozzuoli oggi – Pochi giorni fa via abbiamo parlato in questo nostro articolo del terremoto che ha colpito la Grecia il cui epicentro è stato segnalato a 22 chilometri a nord-ovest della città di Atene. Un forte spavento per una parte popolazione greca ma per fortuna senza gradi danni. Oggi è stata la volta di Pozzuoli, in Campania.

Terremoto Pozzuoli oggi, forza e profondità

La scossa, avvertita alle ore 8:38, è stata abbastanza lieve. Il terremoto si è registrato ad 1 km di profondità. La forza è stata di magnitudo 1.7. La localizzazione ad opera della sala operativa dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv) di Napoli è stata registrata a 5 chilometri a Sud-Est di Pozzuoli. A distanza di ore nella zona non segnalano danni né particolari disagi.

Tecnicamente è possibile parlare di sciame sismico. In totale sono state cinque le lievi scosse che hanno interessato il territorio campano. La sequenza è partita alle ore 5,49 con la scossa più forte che è stata registrata dai sismografi dell’Osservatorio Vesuviano, come detto, alle ore 8,38 di magnitudo 1.7 della scala Ritcher ad una profondità di un chilometro e trecento metri e avente come epicentro la zona del Monte Olibano.

Chi ha avvertito la scossa

Terremoto Pozzuolo oggi – Proprio perché non si segnalano danni, l’invito che arriva dai sismologi e dalle autorità è restare calmi ed evitare l’effetto psicosi. Molti cittadini residenti nella zona della Solfatara, hanno riferito ai cronisti di essersi accorti del terremoto per via di un boato in seguito al quale hanno sentito e visto tremare oggetti e finestre.

Come ha scritto Fanpage, la zona dove si è avvertito il terremoto rientra nell’area flegrea ovvero una area ad alta incidenza sismica e la cui popolazione è abituata a convivere con i fenomeni sismici dove si trovano almeno 24 tra crateri e mini-vulcani, seppur tutti diversi. Si va dalle manifestazioni gassose effusive, tipiche dell’area della Solfatara, a quelle idrotermali della zona che da Agnano arriva fino a Lucrino.

SEGUI IL NUOVO TERMOMETRO QUOTIDIANO A QUESTO LINK.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Hai suggerimenti o correzioni da proporre? Scrivici a [email protected]

Autore: Giuseppe Spadaro

Direttore Responsabile di Termometro Politico. Iscritto all'Ordine dei Giornalisti (Tessera n. 149305) Nato a Barletta, mi sono laureato in Comunicazione Politica e Sociale presso l'Università degli Studi di Milano. Da sempre interessato ai temi sociali e politici ho trasformato la mia passione per la scrittura (e la lettura) nel mio mestiere che coltivo insieme all'amore per il mare e alla musica.
Tutti gli articoli di Giuseppe Spadaro →