Pubblicato il 26/07/2019

Carabiniere ucciso a Roma oggi: identikit del killer, ecco chi è

autore: Daniele Sforza
Carabiniere ucciso a Roma oggi: identikit del killer, ecco chi è

AGGIORNAMENTO. Sono stati fermati due turisti statunitensi, ospiti in un hotel di lusso della Capitale. Come riporta Il Messaggero, fonti investigative hanno rivelato che l’episodio potrebbe ricondurre a una dinamica più complessa del “banale” cavallo di ritorno.


Storia originale…

Un carabiniere di 35 anni è stato ucciso oggi a Roma, venerdì 26 luglio 2019. Mario Cerciello Rega, questo il suo nome, era un vicebrigadiere sposatosi poco tempo fa e appena tornato dalla luna di miele. Insieme a un collega avevano raggiunto una persona che li aveva chiamati perché vittima di una rapina.

I due si sono avvicinati ai due rapinatori, che però hanno opposto resistenza. Uno dei due ha estratto un coltello e ha pugnalato più volte il vicebrigadiere, anche l’altro è stato ferito. Cerciello è stato trasportato subito in ospedale, ma non ce l’ha fatta.

Carabiniere ucciso: la ricostruzione dei fatti

I fatti sono iniziati lo scorso martedì sera, a piazza Cavour, in Roma. Una persona era stata rapinata della borsa contenente, oltre al telefono cellulare, anche le chiavi di casa e i documenti. Così aveva chiamato al proprio cellulare, e sono stati proprio i rapinatori a risponderle. I due criminali hanno fissato un appuntamento per la restituzione del maltolto nella notte di giovedì, in via Pietro Cossa. Naturalmente la donna aveva nel frattempo chiamato i carabinieri, che si sono presentati con la vittima nel luogo deputato all’incontro.

Quando è iniziato lo scambio (100 euro in cambio della borsa), sono intervenuti i carabinieri. Invece di scappare, i due uomini hanno opposto resistenza e uno dei due ha estratto un coltello e pugnalato più volte il vicebrigadiere. La corsa al Santo Spirito è stata vana, perché purtroppo è morto poche ore dopo il ricovero. Le armi usate durante la colluttazione e ritrovate dagli investigatori sarebbero state un punteruolo e un coltello da cucina, entrambi estratti da due grate in zona.

Carabiniere ucciso a Roma oggi: il cordoglio dell’Arma su Facebook

“Nella sua nuda essenza anche la tragedia più grande è fatta di numeri”, scrive l’Arma dei Carabinieri su Facebook. “Il Vice Brigadiere Mario Cerciello Rega aveva 35 anni, era sposato da 43 giorni e 13 ne erano passati dal suo ultimo compleanno. È morto stanotte a Roma per 8 coltellate, inferte per i 100 euro che i 2 autori di 1 furto pretendevano in cambio della restituzione di 1 borsello rubato. In gergo si chiama cavallo di ritorno”. I Carabinieri tendono però a puntualizzare che quei numeri appena citati non sono freddi, bensì “il conto di un’esistenza consacrata agli altri e al dovere, di una dedizione incondizionata e coraggiosa, di un amore pieno di speranze e di promesse. E le tragedia reca la cifra più alta: l’infinito. Il più vivo dolore per una mancanza che affligge 110 mila Carabinieri”, conclude il post. “Il più vivo cordoglio ai Suoi cari, che stringiamo in un immenso, unico abbraccio”.

Solo uno dei tanti, un articolo di Nicolò Zuliani

Il tweet del ministro Salvini

Anche il ministro dell’Interno Matteo Salvini, informato sui fatti, ha voluto commentare l’episodio con un tweet. “Caccia all’uomo a Roma, per fermare il bastardo che stanotte ha ucciso un Carabiniere a coltellate. Sono sicuro che lo prenderanno e che pagherà fino in fondo la sua violenza: lavori forzati in carcere finché campa”.

L’articolo è stato modificato nella parte relativa alla ricostruzione del delitto a seguito di nuove informazioni pervenute dopo la pubblicazione.

Autore: Daniele Sforza

Romano, classe 1985. Dal 2006 scrivo per riviste, per poi orientarmi sulla redazione di testi pubblicitari per siti aziendali. Quindi lavoro come redattore SEO per alcune testate online, specializzandomi in temi quali lavoro, previdenza e attualità.
Tutti gli articoli di Daniele Sforza →