Governo ultime notizie: alleanza Pd-M5S, Di Maio “meglio che con la Lega”

Pubblicato il 29 Ottobre 2019 alle 20:20
Aggiornato il: 2 Novembre 2019 alle 08:49
Autore: Giuseppe Spadaro

Governo ultime notizie – Le attesissime elezioni regionali umbre hanno dato un esito lampante. La vittoria netta del centrodestra, a trazione Lega, che ha staccato la coalizione civica probabilmente, segna la fine dell’esperienza che a livello locale ha fatto registrare la convergenza tra Movimento 5 Stelle e Partito Democratico. Donatella Tesei, senatrice in carica, del partito guidato da Matteo Salvini, è il nuovo presidente della Regione. Quali conseguenze politiche produrrà il voto di domenica?

Governo ultime notizie, analisi in casa 5 Stelle: con l’Umbria esperimento alleanze locali fallito

Si discute molto in casa 5 Stelle. Alla schiacciante sconfitta della coalizione giallorossa a vantaggio del centrodestra si è aggiunto il risultato deludente del Movimento che ha raccolto il 7,41% ed eletto un solo consigliere regionale. Un risultato molto peggiore rispetto a quello registrato dal Pd che in Umbria ha raccolto il 22,33% eleggendo 5 consiglieri regionali.

Dal blogdellestelle.it sono arrivate parole molto chiare a commento del voto. “Il patto civico per l’Umbria lo abbiamo sempre considerato un laboratorio, ma l’esperimento non ha funzionato”. E ancora “questa esperienza testimonia che potremo davvero rappresentare la terza via solo guardando oltre i due poli contrapposti”. C’è anche un accenno al piano nazionale e alle dinamiche che hanno portato prima alla nascita del governo giallo-verde (M5S e Lega) e da pochi mesi all’esecutivo giallo-rosso (M5S-Pd-LeU-Italia Viva). “Dalla formazione del primo esecutivo ci è stato subito chiaro che stare al Governo con un’altra forza politica – che sia la Lega o che sia il Pd – sacrifica il consenso del Movimento 5 Stelle”.

Di Maio e le prossime scelte

Dalla sua, l’attuale ministro degli Esteri da molti visto come responsabile della costante perdita di consenso ha ammesso che la strategia è da ripensare. Di Maio, guardando alle prossime tappe, ha fatto riferimento ad un prossimo incontro con gli esponenti locali di Emilia Romagna e Calabria. A proposito del quale ha spiegato: “Saranno i territori a decidere, ma sono pronto a scommettere che nessuno mi chiederà di allearci con il Pd dopo il dato umbro”. Rispetto al governo nazionale però ha ammesso che col Pd si lavora bene. Aggiungendo “meglio di quanto si lavorasse con la Lega”.

Dalla parte opposta, Salvini forte di un consenso costantemente in crescita (in Umbria ha conquistato il 36,95% dei voti) ha lanciato messaggi chiari all’indirizzo di Conte e del Governo ritenuto “abusivo”. Salvini, Meloni, Berlusconi attendono le prossime elezioni per riconquistare la guida del Paese.

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
[email protected]

L'autore: Giuseppe Spadaro

Direttore Responsabile di Termometro Politico. Iscritto all'Ordine dei Giornalisti (Tessera n. 149305) Nato a Barletta, mi sono laureato in Comunicazione Politica e Sociale presso l'Università degli Studi di Milano. Da sempre interessato ai temi sociali e politici ho trasformato la mia passione per la scrittura (e la lettura) nel mio mestiere che coltivo insieme all'amore per il mare e alla musica.
Tutti gli articoli di Giuseppe Spadaro →