Diritti tv Serie A 2021: accordo a rischio, ecco la situazione

Pubblicato il 29 Novembre 2019 alle 13:05
Aggiornato il: 30 Novembre 2019 alle 17:35
Autore: Guglielmo Sano
Pallone da calcio
Diritti tv Serie A 2021: accordo a rischio, ecco la situazione

L’emittente qatarina BeIN sta riconsiderando la propria partenership con la Lega di Serie A per via della scelta di organizzare la Supercoppa italiana in Arabia Saudita.  

La Lega di Serie A ha in ballo un accordo di 22 milioni e mezzo di dollari con l’Arabia Saudita per l’organizzazione di tre partite di Supercoppa italiana in 5 anni: la prossima si svolgerà a fine dicembre. Come molti altri eventi sportivi, anche il prossimo match tra Juventus e Lazio potrebbe essere, per forza di cose, trasmesso dalla tv pirata saudita BoutQ. Questo il problema sollevato ultimamente da BeIN media, emittente del Qatar e importante partner della Lega di Serie A.

Concorso Guardia di Finanza 2020: 33 allievi soccorso alpino. Il bando

Accordo a rischio?

Yousef Al-Obaidly, CEO di BeIN media, in una recente uscita si è scagliato proprio contro i vertici del nostro calcio che continuano a far giocare degli importanti match “nello stesso paese che ha rubato i diritti commerciali di tutti i loro partner mediatici per oltre due anni”. Contestualmente dall’emittente è arrivato un duro annuncio: “BeIN sta riconsiderando attivamente l’intera relazione commerciale con la Serie A in seguito alla decisione della Lega di proseguire con l’organizzazione della finale di Supercoppa in Arabia Saudita”.

Probabili formazioni Serie A: ecco chi potrebbe scendere in campo

“Non possiamo non onorare il contratto”

BeIN non è un partner commerciale qualunque: gli accordi firmati con la Serie A per il triennio 2018/2021 hanno un valore di circa 500 milioni di dollari in tre anni; in pratica, più della metà di tutti gli introiti provenienti dalla vendita dei diritti tv all’estero. Ha difeso l’accordo con i sauditi, proprio da lui trovato a febbraio 2019, l’Amministratore delegato della Serie A Luigi de Siervo: “non possiamo non onorare il contratto già sottoscritto” ha risposto in merito sottolineando, tra l’altro, che “attualmente l’attività di pirateria di BoutQ dei nostri contenuti è cessata, sia su satellite che sulla piattaforma Iptv”.

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
[email protected]

L'autore: Guglielmo Sano

Nato nel 1989 a Palermo, si laurea in Filosofia della conoscenza e della comunicazione per poi proseguire i suoi studi in Scienze filosofiche a Bologna. Giornalista pubblicista dal 2018 (Odg Sicilia), si occupa principalmente di politica e attualità. Cura la sezione esteri per Termometro Politico
Tutti gli articoli di Guglielmo Sano →