Pensioni ultime notizie: Tridico “Quota 100 non crea lavoro”

Pubblicato il 15 Gennaio 2020 alle 08:30 Autore: Daniele Sforza

Sul tema pensioni ultime notizie riportano le dichiarazioni del presidente Inps Pasquale Tridico su Quota 100 e sul ponte con il mondo del lavoro.

Pensioni ultime notizie: Tridico, Quota 100 non crea lavoro
Pensioni ultime notizie: Tridico “Quota 100 non crea lavoro”

Pensioni ultime notizie, Quota 100 continua ancora a far discutere, nel bene e nel male. Stavolta riportiamo le dichiarazioni del presidente Inps Pasquale Tridico sulla misura di pensione anticipata e sul suo collegamento con il mondo del lavoro. Com’è ben noto le due misure principe della precedente Manovra sono state Quota 100 e reddito/pensione di cittadinanza, che se da un alto avevano lo scopo di aiutare le persone più bisognose o anticipare a tutti l’uscita dal mondo del lavoro, dall’altro avevano il duplice fine di creare posti di lavoro. Se il reddito di cittadinanza è stato fino ad adesso un vero e proprio flop, Quota 100 ha portato un ricambio generazionale nella pubblica amministrazione, ma con risultati comunque al di sotto delle aspettative.

Pensioni ultime notizie: reddito di cittadinanza e decreto dignità, gli effetti sul mondo del lavoro

Su questo punto Tridico ha voluto chiarire durante l’audizione in commissione parlamentare sugli enti gestori, affermando che il reddito di cittadinanza e il decreto dignità “non creano lavoro in senso letterale”, bensì “aiutano ad allocare il lavoro sul mercato tramite l’incrocio tra domanda e offerta, come qualsiasi altra politica attiva”. Per creare vero lavoro, insomma, ci vuole ben altro, ammette il numero 1 dell’Istituto previdenziale: “servono investimenti”.

Pensioni ultime notizie: Quota 100 e l’impatto sull’occupazione

In merito a Quota 100, la misura “non ha avuto certamente un impatto negativo sull’occupazione”, analizzando al contempo “la congiuntura non particolarmente positiva e la tendenza lievemente in aumento sul mercato del lavoro”. Dai dati in suo possesso sembra esserci un impatto “lievemente positivo”, sebbene i risultati, a detta di tutti, siano al di sotto delle aspettative, non avendo Quota 100 aperto i ponti a un turnover professionale generazionale generalizzato.

Infine, qualche numero sulle pensioni. Nel 2019 le domande di pensione anticipata nel settore private hanno registrato un aumento del 32,9% rispetto al 2018. Nel settore pubblico l’incremento è stato del 300%: “il flusso di Quota 100 in entrata ha causato un aumento delle prestazioni, ma molto inferiore a quello preventivato”.

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
[email protected]

L'autore: Daniele Sforza

Romano, classe 1985. Dal 2006 scrivo per riviste, per poi orientarmi sulla redazione di testi pubblicitari per siti aziendali. Quindi lavoro come redattore SEO per alcune testate online, specializzandomi in temi quali lavoro, previdenza e attualità.
Tutti gli articoli di Daniele Sforza →