Tosca a Sanremo 2020 con Ho amato tutto: significato e testo canzone

Pubblicato il 5 Febbraio 2020 alle 15:37 Autore: Luigi Claudio Lamagna

Tosca è tornata sul palco dell’Ariston, dopo tanti anni, portando con se l’eleganza e la calma che l’hanno sempre contraddistinta.

Tosca a Sanremo 2020 con Ho amato tutto: significato e testo canzone
Tosca a Sanremo 2020 con Ho amato tutto: significato e testo canzone

Tra i rinomati 24 big in gara nella settantesima edizione del Festival di Sanremo vi è anche Tosca, tornata sul palco dell’Ariston dopo tanti anni, portando con sé l’eleganza e la calma che l’hanno sempre contraddistinta. Il suo brano, dal titolo Ho amato tutto, racconta di una storia d’amore. Di seguito scopriamo testo e significato della composizione.

LEGGI LE NOTIZIE DEL TERMOMETRO QUOTIDIANO

Il significato di Ho amato tutto

Il brano è una sorta di resoconto di tutto il passato di ognuno di noi. La canzone fa riferimento a dei ricordi, sia belli che brutti, di una relazione e di un amore oramai arrivati alla fine del loro percorso.

La canzone ci ricorda inoltre che quando un amore finisce non bisogna demoralizzarsi, ma è necessario trovare uno spunto positivo che ci permetta di andare avanti.

Ho amato tutto: il testo del brano di Tosca

Tre passi e dentro la finestra
Il cielo si fa muto
Resto lì a guardare
Io so cantare so suonare so reagire ad un addio
Ma stasera non mi riesce niente
Stasera se volesse Dio
Faccio pace coi tuoi occhi
Finalmente
Con te ho riscritto l’alfabeto
Di ogni parola stanca il significato
Perfettamente inutile cercare di fermare l’onda che
Ci annega e ci lascia senza fiato
Ed è una musica che va
In un istante è primavera
Che ritorna
E come un pesce che non può più respirare
Come un palazzo intero che sta per cadere
Tu sei l’unica messa a cui io sono andata
Un volo che è partito
Svanito in fondo al blu
E io adesso farei qualsiasi cosa
Per sfiorare le tue labbra
Per rivederti
Se è vero che il tempo ci rincorre
Oggi sono questa faccia questa carne e queste ossa
Le sento ancora addosso le tue mani che mi spostano più in là
Dove si vive solo di uno sguardo
È tardi, si spegne la candela
È sempre troppo tardi
Per chi non tornerà
E come un pesce che non può più respirare
Come un palazzo intero che sta per cadere
Tu sei l’unica messa a cui io sono andata
Un treno che è partito
Sparito in mezzo al blu
E io adesso farei qualsiasi cosa
Per averti fra le braccia
Per rivederti
Perché se manchi tu manchi da morire
Perché amarsi è respirare i tuoi respiri
Stracciarsi via la pelle e volersela scambiare
È l’attimo fatale in cui mi sono arresa
Perché tu vieni con questo amore tra le mani
E come sempre nei tuoi occhi
La mia casa
Se tu mi chiedi in questa vita cosa ho fatto
Io ti rispondo ho amato
Ho amato tutto

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
redazione@termometropolitico.it