Auto elettrica 2020: nuovi incentivi nel decreto milleproroghe. Gli importi

Pubblicato il 13 Febbraio 2020 alle 20:07 Autore: Giuseppe Spadaro

Auto elettrica 2020, l’azione del M5S per migliorare l’ecobonus e orientare il mercato per scelte a minore impatto ambientale. Ecco di cosa si tratta

Cartello indicazione in inglese per ricarica auto elettriche
Auto elettrica 2020: nuovi incentivi nel decreto milleproroghe. Gli importi

Auto elettrica 2020 – Ok agli emendamenti al decreto milleproroghe proposti dal Movimento 5 Stelle e approvati dalle Commissioni riunite Affari Costituzionali e Bilancio della Camera. Vediamo nel dettaglio di cosa si tratta, chi ha proposto gli emendamenti ed i vari commenti.

Auto elettrica 2020, le proposte del deputato Giuseppe Chiazzese

In pratica con uno degli emendamenti si restringono le maglie per l’accesso all’incentivo (attualmente in vigore). In che modo? È possibile accedere al bonus solo a fronte di minori emissioni. L’incentivo, prima dell’emendamento, veniva erogato fra i 21 e i 70 CO2 g/km, mentre ora la soglia è tra i 21 e i 60 CO2 g/km. Ricordiamo che il valore dell’incentivo è pari a 2.500 euro.

Un articolo pubblicato da skytg24.it ricorda che l’incentivo di 2.500 euro è erogabile per la fascia più alta di emissioni e in presenza di rottamazione della vecchia auto. In assenza di rottamazione il valore economico è pari a 1.500 euro. Il primo a commentare è stato il deputato Giuseppe Chiazzese del Movimento 5 Stelle che ha proposto gli emendamenti. Ecco il suo commento su Facebook pubblicato mercoledì 12 febbraio 2020.

“Quando l’impegno paga: le commissioni riunite Affari Costituzionali e Bilancio hanno appena approvato 3 emendamenti al #milleproroghe a mia prima firma che puntano a migliorare l’ecobonus sulle auto elettriche (BEV) e ibride plug-in (PHEV). Da un lato mirano ad avere più fondi disponibili, dall’altro si modifica la soglia all’incentivo (da 70 a 60 g/km CO2) per orientare il mercato verso vetture sempre meno impattanti. La decarbonizzazione dei trasporti è un ambizioso obiettivo di questo governo e questi emendamenti vanno in questa direzione. #ecobonus #CO2neutral”

I 5 Stelle e le azioni migliorative di norme con impatto ambientale

A stretto giro di poste è arrivato il commento dei portavoce del Movimento 5 Stelle in Commissione Trasporti della Camera. “Siamo soddisfatti per l’approvazione di tre emendamenti, a prima firma del nostro collega Giuseppe Chiazzese che vanno nella direzione di migliorare norme che hanno avuto successo nell’ultimo anno. In merito all’ecobonus, infatti, stabiliamo che le risorse destinate agli incentivi, ma non spese nell’anno corrente, siano assicurate per l’anno successivo”. “Inoltre, tutte le somme recuperate dal maggior costo delle auto più inquinanti, verranno utilizzate per incentivare l’acquisto di auto ibride ed elettriche”. “Infine” “intervenendo sulle soglie per accedere ai bonus, imponendo un limite più basso di emissioni, orientiamo il mercato, quindi sia i produttori che i consumatori, verso l’acquisto di autovetture con impatto minore sull’ambiente”.

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
redazione@termometropolitico.it

L'autore: Giuseppe Spadaro

Direttore Responsabile di Termometro Politico. Iscritto all'Ordine dei Giornalisti (Tessera n. 149305) Nato a Barletta, mi sono laureato in Comunicazione Politica e Sociale presso l'Università degli Studi di Milano. Da sempre interessato ai temi sociali e politici ho trasformato la mia passione per la scrittura (e la lettura) nel mio mestiere che coltivo insieme all'amore per il mare e alla musica.
Tutti gli articoli di Giuseppe Spadaro →