Codice lotteria degli scontrini 2020: dove trovarlo e a cosa serve

Pubblicato il 5 Marzo 2020 alle 16:29 Autore: Guglielmo Sano

In questi giorni il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha cominciato a esporre le regole per partecipare alla lotteria degli scontrini

Scontrini
Codice lotteria degli scontrini 2020: dove trovarlo e a cosa serve

In questi giorni il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha cominciato a esporre le regole per partecipare alla lotteria degli scontrini. Come ormai è noto, l’iniziativa partirà a breve non solo con lo scopo di contrastare l’evasione fiscale ma anche con quella di incentivare l’utilizzo della moneta elettronica da parte degli utenti e, viceversa, la predisposizione di strumenti che consentano il pagamento elettronico da parte dei commercianti.

Lotteria degli scontrini: come funziona?

In pratica, la lotteria degli scontrini sarà un vero e proprio concorso a premi legato all’emissione degli scontrini fiscali, appunto. Inoltre, chi pagherà con strumenti tracciabili come la carta di credito avrà la possibilità di partecipare a una doppia estrazione: una relativa all’emissione dello scontrino elettronico e un’altra al pagamento in sé.

Ma come funziona sostanzialmente la lotteria? In breve, una volta effettuato il pagamento, il cliente riceverà dei biglietti virtuali (si riceverà un biglietto per ogni euro speso): basterà mostrare un codice personale – in formato cartaceo o elettronico – all’esercente che lo assocerà all’acquisto sul sistema predisposto per gestire la lotteria. Tale codice – formato da 8 caratteri alfanumerici – si deve richiedere previa registrazione sul “Portale Lotteria” dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli: è stato definito uno “pseudonimo” del codice fiscale poiché collegato a esso ma completamente anonimo. Accedendo alla propria area riservata sul suddetto portale si potrà controllare quanti e quali scontrini sono associati al proprio codice e, naturalmente, se si è vinto o meno.

Quanto si vince?

Saranno previsti dei premi sia per gli acquirenti che per i commercianti; dunque, dal primo luglio in poi sarà estratto un premio annuale da un milione di euro per tutti, un premio annuale da 5 milioni di euro per chi paga con strumenti tracciabili, un premio annuale da un milione di euro riservato ai soli esercenti. Ogni mese poi saranno messi in palio tre premi da 30mila euro ciascuno per tutti, 10 premi mensili da 100mila euro ciascuno per chi paga con moneta elettronica e 10 premi mensili da 20mila euro ciascuno riservati agli esercenti. Il concorso però decollerà a partire dal primo gennaio 2021 quando si aggiungeranno anche 7 premi settimanali da 5mila euro per tutti, 15 premi settimanali da 25mila euro per chi paga con moneta elettronica e infine 15 premi settimanali da 15mila euro per gli esercenti. Tutti i premi sono esentasse: non vengono tassati all’erogazione e non concorrono alla formazione del reddito imponibile.

Segui Termometro Politico su Google News

Scrivici a redazione@termometropolitico.it

L'autore: Guglielmo Sano

Nato nel 1989 a Palermo, si laurea in Filosofia della conoscenza e della comunicazione per poi proseguire i suoi studi in Scienze filosofiche a Bologna. Giornalista pubblicista dal 2018 (Odg Sicilia), si occupa principalmente di politica e attualità. Cura la sezione esteri per Termometro Politico
Tutti gli articoli di Guglielmo Sano →