Quando si guarisce dal coronavirus e quanti giorni dura la malattia

Pubblicato il 2 Aprile 2020 alle 14:00 Autore: Daniele Sforza

Quanto tempo ci vuole per guarire dal Coronavirus e quanti giorni dura la malattia? Alcune domande hanno ancora risposte diverse: cerchiamo di darle.

Quando si guarisce dal Coronavirus
Quando si guarisce dal coronavirus e quanti giorni dura la malattia

Casi positivi, persone guarite, vittime, ricoverati in terapia intensiva, ricoverati con sintomi, obbligati all’isolamento domiciliare. Numeri, cifre, bollettini, informazioni che si rincorrono ogni giorno, a volte contraddittorie. Il Coronavirus sta investendo tutti i settori della società, a livello globale: inevitabile che ci sarà un prima e un dopo e in questo dopo avremo sicuramente informazioni più certe di quelle che abbiamo ora. Intanto cerchiamo di dare delle risposte ad alcune domande che ci vengono poste: quando si guarisce dal Coronavirus una volta che si contrae la malattia e quanti giorni dura il malessere?

Quando si guarisce dal Coronavirus?

Quando si guarisce dal Coronavirus e cosa succede quando questo avviene? La risposta ce la dà direttamente il Consiglio superiore di sanità, che si basa sui dati dei casi positivi guariti dal Covid-19. Innanzitutto bisogna distinguere due terminologie:

  • Paziente clinicamente guarito: un soggetto dichiarato positivo al Coronavirus manifesta i sintomi del Covid-19. Quindi i sintomi scompaiono, fattore che lo rende clinicamente guarito. Nonostante la scomparsa dei sintomi, però, il soggetto può risultare ancora positivo al virus. Se lo sia o meno lo si può solo vedere attraverso un test virologico.
  • Paziente guarito: il soggetto risulta negativo al test virologico. Pertanto, oltre a non avere più i sintomi, è anche risultato negativo al test virologico, che deve essere effettuato 2 volte, uno a distanza di 24-48 ore dall’altro.  

Coronavirus: quanti giorni dura la malattia?

Il periodo di incubazione è stimato in 14 giorni. Il soggetto che risulta positivo al Coronavirus deve ripetere il test dopo 14 giorni per vedere se il virus è sparito e quindi se risulta completamente guarito. Una volta sparito il virus dal corpo, non si è più contagiosi. Inoltre, alla scomparsa del virus segue la formazione di anticorpi specifici, che provocano immunità nei confronti dell’agente patogeno. Tali anticorpi, infatti, possono difendere l’organismo da nuove infezioni provocate dallo stesso virus.

Si è inoltre letto di persone che, dopo essere guarite, sono ritornate positive al Coronavirus. Il Consiglio superiore di sanità precisa che “non è escludibile che venga ricondotto a una lunga persistenza del virus nell’organismo e che alla base dell’osservazione vi possa essere o un’inadeguata gestione pre-analitica del campione o un limite di sensibilità del test”. Questo significa che è molto probabile che tra le due infezioni, la persona sia sempre stata positiva.

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
redazione@termometropolitico.it

L'autore: Daniele Sforza

Romano, classe 1985. Dal 2006 scrivo per riviste, per poi orientarmi sulla redazione di testi pubblicitari per siti aziendali. Quindi lavoro come redattore SEO per alcune testate online, specializzandomi in temi quali lavoro, previdenza e attualità.
Tutti gli articoli di Daniele Sforza →