11/05/2012

Grecia, Samaras getta la spugna. Ora tocca alla sinistra radicale formare un governo oppure si andrà a nuove elezioni

autore: EaST Journal

Il presidente della Repubblica greca, alle 14 di ieri, aveva dato ad Antonis Samaras, leader di Nea Demokratia (18,9%), il compito di formare il governo. Ma alle 19 di ieri Samaras getta la spugna. Come previsto dalla legge, oggi sarà il turno di Alexis Tsipras, leader della coalizione di sinistra Syriza, secondo partito uscito dalle urne (16,7%). Tsipras, classe 1974, avrà dunque l’arduo compito di formare un esecutivo in un contesto politico frammentato ma sostanzialmente diviso tra quei partiti che vogliono la continuità (Pasok e Nea Demokratia) e le forze che, in diversi modi, si oppongono all’austerity. Se Tsipras riuscisse nell’impresa darebbe vita all’esecutivo più a sinistra in Europa.

Alexis Tsipras, leader di Syriza, chiamato a formare il governo

 

[ad]Tre i punti del programma di Syriza: formazione di un governo delle forze di sinistra, rifiuto del Memorandum (con cui i partiti greci del Pasok e Nea Demokratia s’impegnavano a proseguire nelle misure di rigore richieste da Fmi, Bce ed Eurogermania) e un piano per la ricostruzione del Paese. I comunisti del Kke (8,5%) hanno già detto di no. A sinistra restano solo il Pasok (i socialisti, crollati al 13,2%) e Sinistra democratica (fuoriusciti progressisti del Pasok, 6,1%). Si arriverebbe così al 36%, ma potrebbe non bastare. Inoltre Tsipras ha già dichiarato di non voler formare un governo con il Pasok “responsabile della crisi”.

In questa situazione caotica emerge la data del 17 giugno, giorno in cui si potrebbe tornare alle urne se anche Tspiras fallisse nel tentativo.

Da EastJournal

di Matteo Zola

Autore: EaST Journal

East Journal è un progetto di giornalismo partecipativo che nasce dal basso, fatto da giovani e senza fini di lucro. East Journal è una testata registrata presso il Tribunale di Torino, n° 4351/11, del 27 giugno 2011. I contenuti sono condivisi con Termometro Politico grazie alla partnership nata da marzo 2012 tra le due testate giornalistiche. Il nostro obiettivo è quello di raccontare la “nuova” Europa, quella dell’est, che rappresenta il cuore antico del vecchio continente. La cultura e la storia ci insegnano la comune appartenenza. L’europeismo critico è dunque una nostra vocazione. Tra i nostri temi più cari figurano poi la tutela delle minoranze, l’analisi dell’estremismo di destra, la geopolitica energetica, il monitoraggio del crimine organizzato transnazionale.
    Tutti gli articoli di EaST Journal →